Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Esercitazioni a mare. Pigliaru, Caria e Lotto incontrano i rappresentanti dei pescatori

Francesco Pigliaru ha confermato il sostegno della Regione al comparto della pesca, ricordando di aver immediatamente avviato un dialogo con la Marina militare italiana al fine di limitare al massimo gli impatti delle attività a mare. Le interlocuzioni hanno già portato a una limitazione delle aree interdette e all’impegno della Marina militare di concludere le esercitazioni lungo la costa sud-orientale il 14 maggio, in anticipo rispetto alla data programmata del 20 maggio.
Pesca barche pescatori
CAGLIARI, 13 MAGGIO 2017 - Il Presidente Francesco Pigliaru ha incontrato ieri i rappresentanti delle Associazioni dei pescatori e armatori, così come da loro richiesto il 9 maggio scorso. Le associazioni di categoria hanno evidenziato le forti restrizioni subite a causa delle esercitazioni in corso di svolgimento lungo le coste del sud della Sardegna. All’incontro hanno partecipato l’assessore dell’Agricoltura, Pier Luigi Caria, e il presidente della Quinta Commissione Attività produttive del Consiglio regionale, Luigi Lotto.

Francesco Pigliaru ha confermato il sostegno della Regione al comparto della pesca, ricordando di aver immediatamente avviato un dialogo con la Marina militare italiana al fine di limitare al massimo gli impatti delle attività a mare. Le interlocuzioni hanno già portato a una limitazione delle aree interdette e all’impegno della Marina militare di concludere le esercitazioni lungo la costa sud-orientale il 14 maggio, in anticipo rispetto alla data programmata del 20 maggio.

Il presidente Pigliaru ha quindi evidenziato come le attività in corso lungo le coste riguardino operazioni di bonifica da materiale bellico inesploso giacente nei fondali, di cui sono stati già comunicati alcuni ritrovamenti a seguito delle perlustrazioni. Si è dunque convenuto che tali operazioni, condotte in un contesto esercitativo, producono ricadute positive in termini di tutela e sicurezza delle persone e dell'ambiente. Pertanto, se i pescatori ne avessero avuto comunicazione in anticipo, avrebbero potuto manifestare reazioni diverse e più collaborative. Sul punto, è stato ricordato, Pigliaru ha invitato la Marina a un maggiore coinvolgimento degli operatori della pesca anche nelle fasi che anticipano le operazioni, affermando l'esigenza di utilizzare, accanto a quelle formali, modalità informative più consone ai tempi e più dirette. Il presidente Pigliaru, in chiusura, ha ribadito il sostegno della Regione al giusto ed equo indennizzo per gli operatori del mare danneggiati nelle loro attività economiche.