Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Risorse idriche, Caria inaugura 25km di condotta in Gallura. "Disponibili 30 milioni per nuove infrastrutturazioni"

L'opera, finanziata dalla Regione con 3,3 milioni di euro, è stata inaugurata oggi alla presenza dell'assessore dell’Agricoltura, Pier Luigi Caria, del presidente e del direttore del Consorzio di Bonifica della Gallura, Marco Marrone e Giosuè Brundu, da numerosi amministratori comunali e regionali del territorio.
ARZACHENA, 26 MAGGIO 2017 - Mille ettari di terre irrigate attraverso 25 km di condotte che trasportano l'acqua dalla diga del Liscia nei territori di Arzachena, Olbia e Sant’Antonio di Gallura, ma anche un contributo per le azioni antincendio d’estate, grazie alla costruzione delle vasche di raccolta. L'opera, finanziata dalla Regione con 3,3 milioni di euro, è stata inaugurata oggi alla presenza dell’assessore dell’Agricoltura, Pier Luigi Caria, del presidente e del direttore del Consorzio di Bonifica della Gallura, Marco Marrone e Giosuè Brundu, da numerosi amministratori comunali e regionali del territorio.

L'assessore. "Si tratta di un intervento fondamentale per il miglioramento delle produzioni agricole e zootecniche, per la prevenzione degli incendi e quindi per la lotta allo spopolamento delle campagne in zone storicamente abitate come queste, con i tipici stazzi galluresi". Lo ha detto l’assessore Caria che poi ha aggiunto: “La Regione ha disponibili 30milioni di euro, del Fondo di sviluppo e coesione, dedicati proprio all’infrastrutturazione idrica delle campagne di tutta la Sardegna. Fondi importanti che ci permetteranno innanzitutto di riammodernare le reti e ridurre le enormi perdite, ma anche di dare risposte non più rimandabili a tante aziende agricole che ancora oggi non hanno l’acqua. L’irrigazione dei campi – ha proseguito l’esponente della Giunta Pigliaru – rappresenta infatti quel salto di qualità che permette ad agricoltori e pastori di programmare le semine e di fare impresa con tecniche moderne, innovative e quindi produttive. Tutela del territorio, turismo green, valorizzazione ambientale e agroalimentare passano sempre più spesso dall’infrastrutturazione dell’agro. Quest’opera lo dimostra ed è nostro obiettivo proseguire su tale strada in collaborazione con le amministrazioni comunali, le associazioni di categoria agricole e i diversi portatori di interesse con cui studieremo i migliori interventi”.