Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Attrazione d'investimenti, i vertici di Zte ricevuti a Villa Devoto. Pigliaru e Paci: Sardegna laboratorio all'avanguardia nell'innovazione

"Siamo convinti che la Sardegna offra agli imprenditori nel campo dell'alta tecnologia tutte le condizioni favorevoli per investire: grandi competenze e forte propensione nei settori dell'alta tecnologia, un'amministrazione regionale assolutamente sensibile e attiva su questi temi. Più in generale, un ecosistema che lavora insieme e funziona: per questo oggi, già al primo incontro, abbiamo voluto che con l'amministrazione regionale fossero presenti anche l'Università e il mondo imprenditoriale". Così ha detto Pigliaru.
Trasmissione dati
CAGLIARI, 29 MAGGIO 2017 - Il presidente della Regione Francesco Pigliaru e il vicepresidente Raffaele Paci hanno ricevuto a Villa Devoto i vertici di ZTE, grande multinazionale cinese, quinto produttore in Europa e settimo al mondo di smartphone oltre che di prodotti di telecomunicazione. Per ZTE erano presenti il presidente ZTE Europa e Italia Hu Kun, il vicepresidente enterprise Tan Haipeng e altri importanti dirigenti dell'azienda. Con Pigliaru e Paci hanno preso parte all'incontro il rettore dell'Università di Cagliari Maria Del Zompo, il delegato del Rettore per l’ICT Gianni Fenu, i presidenti di Confindustria Sardegna Alberto Scanu e della Camera di Commercio di Cagliari Maurizio De Pascale, il direttore del Centro regionale di programmazione Gianluca Cadeddu, il presidente del Crs4 Luigi Filippini, il direttore di Sardegna Ricerche Giorgio Pisanu.

PIGLIARU, DA NOI UN ECOSISTEMA CHE FUNZIONA - "Attrazione di investimenti, Ict, alta tecnologia. La Sardegna si propone come laboratorio di ricerca e innovazione, forte delle sue consolidate competenze nel settore dell'ICT che le hanno permesso di conquistare il primo posto in Italia per numero di start up innovative e il secondo per attrazione di capitali privati con le joint venture", sottolinea Pigliaru. "Siamo convinti che la Sardegna offra agli imprenditori nel campo dell'alta tecnologia tutte le condizioni favorevoli per investire: grandi competenze e forte propensione nei settori dell'alta tecnologia, un'amministrazione regionale assolutamente sensibile e attiva su questi temi. Più in generale, un ecosistema che lavora insieme e funziona: per questo oggi, già al primo incontro, abbiamo voluto che con l'amministrazione regionale fossero presenti anche l'Università e il mondo imprenditoriale".

PACI, CON L'ALTA TECNOLOGIA SUPERIAMO L'ISOLAMENTO - "La Giunta ha già fatto molto per creare condizioni favorevoli e attrarre investitori internazionali in Sardegna", ricorda Paci. "Basta ricordare la strategia di innovazione intelligente S3 e tutti gli altri interventi a cominciare dalla banda ultralarga, e poi zero tasse per 5 anni per le nuove imprese, l'Irap più bassa d'Italia, burocrazia ridotta all'essenziale, semplificazione amministrativa. Abbiamo quindi tutte le condizioni favorevoli, e lo dimostra il continuo interesse da parte di aziende come appunto la ZTE che - dopo Inpeco, Microsoft, Huawei, Bonifiche Ferraresi, Amazon - sta valutando la possibilità di fare investimenti in Sardegna che, proprio attraverso l'alta tecnologia, non solo può superare l'isolamento ma anche diventare un grande laboratorio di ricerca e innovazione, punto di riferimento a livello internazionale".

UNIVERSITÀ, PRONTI A OFFRIRE LA NOSTRA ESPERIENZA - "L'Ateneo di Cagliari accoglie con entusiasmo questa nuova opportunità di collaborazione, anche perché da sempre si caratterizza come un ateneo multidisciplinare, in grado dunque di offrire la propria esperienza sia nel settore della ricerca ICT, sia negli altri campi che dovessero interessare i nuovi partner. D’altra parte, l’Università di Cagliari ha già solidi e pregressi rapporti con le istituzioni cinesi: è di pochi giorni fa la firma di un accordo con l’Università di studi internazionali di Pechino e con l’Istituto Confucio di Roma.
L'Ateneo cagliaritano - che mette a disposizione il proprio know how per la crescita economica del territorio e per attrarre nuove imprese - è anche un valido esempio di raccordo di ricerca e alta formazione tra pubblico e privato, che anche oggi hanno mostrato grande sintonia".

CONFINDUSTRIA, DA NOI GRANDE ATTENZIONE - "C'è grande attenzione da parte del mondo delle imprese per l'ipotesi emersa nell'incontro di oggi che ZTE possa fare investimenti in Sardegna", assicura il presidente di Confindustria sardegna Alberto Scanu che ha anche illustrato le opportunità che offre il Digital Innovation Hub, già messo a disposizione di questa importante ipotesi di investimento. "Durante l'interessante e articolato confronto con i vertici della multinazionale cinese ho anche lanciato l'idea della Sardegna come piattaforma logistica per il Mediterraneo".

Nuovi incontri di approfondimento con ZTE sono già in programma nelle prossime settimane.