Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Chimica verde. Pigliaru ai sindacati: "Progetto va avanti. Prospettiva radicalmente cambiata"

"Dopo un lungo periodo in cui tutto sembrava perduto e dopo oltre un anno di incertezza sulle decisioni di ENI, oggi possiamo dire che la prospettiva è radicalmente cambiata". Lo ha detto il presidente della Regione Pigliaru in apertura della riunione con le rappresentanze sindacali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl regionali e territoriali alla quale hanno partecipato le assessore del Lavoro Mura, dell'Industria Piras e dell'Ambiente Spano.
CAGLIARI, 12 GIUGNO 2017 - "La chimica verde a Porto Torres va avanti. Dopo un lungo periodo in cui tutto sembrava perduto e dopo oltre un anno di incertezza sulle decisioni di ENI, oggi possiamo dire che la prospettiva è radicalmente cambiata". Lo ha detto il presidente della Regione Francesco Pigliaru in apertura della riunione con le rappresentanze sindacali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl regionali e territoriali, oggi in viale Trento, alla quale hanno partecipato le assessore del Lavoro Virginia Mura, dell’Industria Maria Grazia Piras e dell’Ambiente Donatella Spano.

Il presidente Pigliaru ha rendicontato "il lungo e faticoso lavoro fatto dalla Regione con l'aiuto di tutti" sulla chimica verde a Porto Torres. "Abbiamo affrontato una situazione difficile e portato avanti la partita ai tavoli senza clamore - ha detto Francesco Pigliaru -, ma anche senza cedere di un centimetro le posizioni che avevamo concordato. E abbiamo tenuto la barra dritta senza accettare che il metano diventasse un’alternativa. La nostra posizione è che vogliamo sia il metano, secondo quanto concordato nel Patto con il Governo, che lo sviluppo della chimica verde: siamo convinti che sia una scommessa di grande rilievo strategico non solo per Porto Torres e per la Sardegna, ma per tutta l’Italia, e lo abbiamo ribadito costantemente e con forza. Finalmente da Governo e da ENI abbiamo ottenuto un importante cambiamento del punto di vista: nessun abbandono del progetto ma, al contrario, il rilancio e il mantenimento degli impegni definiti dal protocollo del 2011.”

Il riferimento è alle dichiarazioni rilasciate dall'amministratore delegato di ENI, Claudio Descalzi, lo scorso 26 maggio ad Assemini, all'apertura al pubblico delle Saline Conti Vecchi. In quella occasione Descalzi aveva infatti comunicato, insieme al presidente Pigliaru, come in un precedente incontro tra Regione ed ENI si fosse confermato di rilanciare gli investimenti della fase tre di Matrica, da definirsi in un accordo di programma che ENI e Regione sottoporranno al Governo dopo aver affrontato la parte tecnica del lavoro.

La fase tre del progetto comprenderà l'ampliamento e il completamento degli impianti di Porto Torres per realizzare prodotti innovativi. Francesco Pigliaru, che ha ricordato come l’Ad di ENI abbia ribadito l’impegno su Porto Torres anche ieri a margine del G7 Ambiente di Bologna, ha proseguito rimarcando la necessità “di non perdere il ritmo. Dobbiamo raggiungere molto velocemente il risultato atteso, e vogliamo farlo entro luglio”, ha detto il Presidente della Regione. “Il prossimo passaggio è un Accordo di Programma Quadro vincolante per tutti, che metta giù con chiarezza cifre, impegni e investimenti per il rilancio del Protocollo del 2011 e soprattutto che lo renda molto più concreto in termini di risorse e di tempi."

Sui contenuti dell’Accordo di Programma, di cui è stato condiviso il percorso di costruzione, si è convenuto che Regione e organizzazioni sindacali lavoreranno a stretto contatto.