Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Via libera dalla Giunta alla prima variazione di bilancio da 22 milioni. Paci: diamo risposte alle richieste più urgenti, interverremo ancora

Il disegno di legge approvato dall’Esecutivo passa ora all’esame del Consiglio regionale. "Abbiamo deciso di non lavorare a un unico assestamento di bilancio ma a una prima variazione parziale a cui seguiranno altre in base alle disponibilità di risorse che man mano riusciremo ad avere", dice Paci.
soldi
CAGLIARI, 18 LUGLIO 2017 - E' di 22 milioni di euro la prima variazione di bilancio approvata oggi dalla Giunta su proposta dell’assessore Raffaele Paci. Il disegno di legge approvato dall’Esecutivo passa ora all’esame del Consiglio regionale. "Abbiamo deciso di non lavorare a un unico assestamento di bilancio ma a una prima variazione parziale a cui seguiranno altre in base alle disponibilità di risorse che man mano riusciremo ad avere", dice Paci. “Le esigenze da soddisfare con questa prima manutenzione legislativa sono già molte: siamo riusciti a recuperare 22 milioni con una intensa opera di spending review attraverso la chiusura di conti correnti regionali non più utilizzati da tanti anni. Oggi diamo risposta alle esigenze più urgenti, dai Consorzi di Bonifica alle Province, dai Vigili del fuoco, che svolgono un ruolo assolutamente fondamentale nella campagna antincendi, agli eventi turistici e sportivi e allo stesso tempo assolviamo a obblighi di legge già determinati. Nei prossimi mesi interverremo sulle altre priorità. Ancora una volta stiamo mettendo ordine nel bilancio regionale con grande impegno e con la massima e totale trasparenza”, conclude Paci.

LE CIFRE PER COMPARTO - Dieci milioni di euro vanno al comparto dell’acqua, destinati a Enas per il pagamento dei costi energetici dei Consorzi di bonifica dando un importante ristoro agli agricoltori. Le Province beneficeranno di 4 milioni per garantirne il funzionamento messo in pericolo dai continui e ingenti tagli dello Stato; 1 milione sarà disponibile per gli eventi turistici, 800mila vanno alle società sportive per svolgere i campionati nazionali, 170mila euro ai vigili del fuoco. Per quanto riguarda le spese obbligatorie, 3 milioni e 650mila euro vanno al Fondo spese obbligatorie e 2 milioni e 300 al Fondo passività potenziali.

Il ddl prevede inoltre l'abrogazione di alcune norme impugnate dallo Stato per evitare il contenzioso e una serie di variazioni interne agli stanziamenti degli assessorati.