Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Piano Imprese da 44 milioni, domani c’è il click day. Paci: "Con procedure più semplici e rapide andiamo incontro alle richieste di chi investe"

Sono fissati per domani lunedì 7 agosto alle 10 e alle 12 i due click day all'interno del Piano Imprese da 44 milioni di euro della Regione. Il primo click dalle 10 in poi è riservato ai bandi T2 per le imprese già operative mentre il secondo click, delle 12, è per i bandi T1 e T2 nuove imprese.
computer 4
CAGLIARI, 6 AGOSTO 2017 - Sono fissati per domani lunedì 7 agosto alle 10 e alle 12 i due click day all'interno del Piano Imprese da 44 milioni di euro della Regione. Il primo click dalle 10 in poi è riservato ai bandi T2 per le imprese già operative (con tagli da 200mila a 800mila euro), il cui stanziamento viene raddoppiato e portato da 10 a 20 milioni per far fronte alle numerose richieste previste. Il secondo click, delle 12, è per i bandi T1 e T2 nuove imprese (con investimenti da 15mila a 500mila euro).

Per agevolare le imprese interessate, tutto il percorso fino al click day è stato pianificato e scandito da passaggi ben definiti. L’avviso relativo ai nuovi bandi era stato pubblicato lo scorso 1 giugno. Il 22 giugno è stata aperta la piattaforma dove si possono continuare a caricare le domande e avviare tutte le procedure. Una volta completata la domanda, l'imprenditore riceve un codice: domani, giorno del click, dovrà soltanto caricare quel codice ricevuto durante la fase preliminare nella quale è stata esaurita l’intera parte procedurale. “In questo modo, con la procedura a sportello chiesta un po' da tutte le associazioni di categoria, viene garantita la velocizzazione e la semplificazione delle pratiche”, dice l’assessore della Programmazione Raffaele Paci. “Voglio poi ricordare che questo non sarà l’unico click day: le imprese che non saranno pronte per domani avranno comunque la possibilità di accedere ai finanziamenti nei bandi successivi. Da parte della Giunta l’attenzione è il sostegno al mondo imprenditoriale è massima e continuerà a esserlo”, assicura Paci.