Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Pesca, rimodulati 45mila euro a favore di Agris per il monitoraggio e la quantificazione degli stock del riccio di mare e delle oloturie

Tali risorse erano state inizialmente stanziate nel 2011 per le attività di verifica dei requisiti necessari per la riqualificazione delle acque territoriali ai fini della produzione del riccio di mare. Poiché le attività di monitoraggio sanitario, per tale riclassificazione delle acque, sono svolte dalle Aree socio-sanitarie locali (ASSL) competenti per territorio, coordinate dall’Assessorato dell’Igiene e Sanità, non è più necessario lo stanziamento dei 45mila euro.
pescherecci, pesca
Cagliari, 7 agosto 2017 – Su proposta dell’assessore dell’Agricoltura, Pier Luigi Caria, sono stati rimodulati 45mila euro da destinare all’Agenzia Agris Sardegna per il monitoraggio e la quantificazione degli stock del riccio di mare e dell’oloturia.

Tali risorse erano state inizialmente stanziate nel 2011 per le attività di verifica dei requisiti necessari per la riqualificazione delle acque territoriali ai fini della produzione del riccio di mare. Poiché le attività di monitoraggio sanitario, per tale riclassificazione delle acque, sono svolte dalle Aree socio-sanitarie locali (ASSL) competenti per territorio, coordinate dall’Assessorato dell’Igiene e Sanità, non è più necessario lo stanziamento dei 45mila euro.

"A causa del forte calo dei ricci di mare in diversi specchi acquei della Sardegna – ha osservato Caria – è fondamentale attivare le azioni di monitoraggio e quantificazione degli stock. Stessa criticità è stata segnalata da più soggetti istituzionali sul prelievo indiscriminato delle oloturie”. La rimodulazione dei 45mila euro permetterà, dopo il monitoraggio scientifico, di individuare possibili misure gestionali volte a garantire prelievi sostenibili.