Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Lavori pubblici, 4 milioni dalla Giunta per 40 chiese. Balzarini: risposta rapida alle richieste dei Comuni per restauro e messa in sicurezza

"Lo stanziamento - precisa l’esponente della Giunta Pigliaru - non è sufficiente a coprire l’intero fabbisogno delle domande, che in totale è pari a 7 milioni, ma abbiamo comunque deciso di ripartirlo fra tutte le 40 richieste istruite​ e considerate ammissibili​, secondo un criterio di proporzionalità: gli interventi al di sotto dei 90 mila euro saranno finanziati integralmente,​ in modo da poter fare le opere di pronto intervento,​ mentre quelli superiori, fino a un massimo di 180 mila,​ permetteranno ai comuni di effettuare un intervento funzionale di messa in sicurezza ed eventualmente​ saranno cofinanziati".
Chiesa
Cagliari, 8 settembre 2017 - Quattro milioni di euro per recupero​​ e me​ssa​ in sicurezza​ di​ 40 chiese. La Giunta, su proposta dell’assessore dei Lavori Pubblici Edoardo Balzarini, ha deliberato di ripartire la somma a favore dei Comuni che hanno presentato richiesta per il recupero e consolidamento di edifici di culto e di chiese. "Abbiamo voluto dare una risposta più rapidamente possibile - dice l’assessore Balzarini - alle numerose richieste pervenute in assessorato da parte dei comuni, che con questa delibera riceveranno in tempi brevi i contributi e potranno subito iniziare i lavori​ di messa in sicurezza"​.

"Lo stanziamento - precisa l’esponente della Giunta Pigliaru - non è sufficiente a coprire l’intero fabbisogno delle domande, che in totale è pari a 7 milioni, ma abbiamo comunque deciso di ripartirlo fra tutte le 40 richieste istruite​ e considerate ammissibili​, secondo un criterio di proporzionalità: gli interventi al di sotto dei 90 mila euro saranno finanziati integralmente,​ in modo da poter fare le opere di pronto intervento,​ mentre quelli superiori, fino a un massimo di 180 mila,​ permetteranno ai comuni di effettuare un intervento funzionale di messa in sicurezza ed eventualmente​ saranno cofinanziati".

La suddivisione dei fondi si basa sull’applicazione di un indice che determina una riduzione del finanziamento direttamente proporzionale alla dimensione originaria della richiesta.

I comuni beneficiari sono: Guasila, Busachi, Escolca, Magomadas, Serramanna, Ottana, Fonni, Macomer, Pattada, Perdaxius, Thiesi, Villasalto, Montresta, Sinnai, Solarussa, Bitti, Gonnosfanadiga, Luogosanto, Sedilo, Sennori, Terralba, Orroli, Sarroch, Isili, Erula, Mogoro, Orani, Silanus, Suni, Talana, Tresnuraghes, San Nicolò Gerrei, Asuni, Seneghe, Teti, Siapiccia, Aidomaggiore, Meana Sardo, Siamaggiore, Sedini.