Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Rete itinerari ciclabili, presentato stato di avanzamento. 5 interventi prioritari e nuove risorse grazie a protocollo con Governo

Sono 5 i primi interventi prioritari per i quali l'Arst ha già bandito le gare per la progettazione, per un totale di 677 km di percorso e un finanziamento di circa 8 milioni di euro del cosiddetto "Mutuo Infrastrutture".
ciclovia
CAGLIARI, 19 SETTEMBRE 2017 - Prende forma la rete regionale degli itinerari ciclabili: a due anni dal suo inserimento nel Piano regionale infrastrutture, come elemento qualificante di una nuova mobilità sostenibile sia nella vita quotidiana che ai fini dell'allungamento della stagione turistica, la Regione ha presentato questa mattina a Cagliari lo stato di avanzamento della attività di pianificazione, condotta in collaborazione con Arst, in qualità di soggetto attuatore, e con il CIREM dell’Università di Cagliari, in occasione della settimana europea della mobilità.

Sono 5 i primi interventi prioritari per i quali l'Arst ha già bandito le gare per la progettazione, per un totale di 677 km di percorso e un finanziamento di circa 8 milioni di euro del cosiddetto "Mutuo Infrastrutture". Gli itinerari sono i seguenti: Alghero - Porto Torres - Sassari - Badesi (115,84 km); Ozieri/Chilivani - Illorai (Stazione Tirso) - Macomer - Bosa (164,17 km); Cagliari - Elmas - Assemini - San Gavino - Sanluri - Isili (113,78 km); Tharros - Oristano - Terralba e Oristano - Bosa (133,79 km); Chia, Santa Margherita di Pula - Cagliari - Villasimius - Villaputzu (149,75 km).

Con altri 7 milioni di euro a valere sul POR FESR 2014-2020 sono finanziati gli itinerari che consentiranno il collegamento tra la rete ciclabile regionale e le aree metropolitane ed urbane di Cagliari, Sassari ed Olbia, per la cui progettazione è imminente la pubblicazione dei bandi di gara.
Il progetto totale, che comprende 42 itinerari per complessivi 2000 chilometri, oltre a 4 compresi nel Piano Sulcis, uno di penetrazione urbana della città di Cagliari, 6 che abbinano l’utilizzo della bici e del treno e 11 parchi ciclistici, è ora in fase di VAS, Valutazione Ambientale Strategica.
Grazie a questo lungo lavoro di progettazione partito nel 2015, la Ciclovia della Sardegna è stata inoltre inserita nel Sistema nazionale delle ciclovie turistiche, a seguito della sottoscrizione del protocollo d’Intesa tra il Presidente Francesco Pigliaru, il Ministro delle infrastrutture e trasporti Delrio e il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini, che permetterà alla Regione di avere ulteriori risorse per la realizzazione degli interventi.
Nel corso dei lavori sono stati presentati anche gli aspetti più innovativi del progetto complessivo, fra cui ad esempio la forte sinergia con il trasporto pubblico, e il logo della Rete, un insieme di figure circolari che richiamano il pignone, il nuraghe, i cesti tradizionali, realizzato secondo i canoni della comunicazione coordinata istituzionale della Regione. A breve, annunciato anche il lancio del portale dedicato alla Rete.

Presentazione "Rete regionale degli itinerari ciclabili della Sardegna" [file.pdf]
- Presentazione "La pianificazione del sistema di mobilità ciclistica della Sardegna" [file.pdf]
- Presentazione "I programmi di intervento della Regione Sardegna per la mobilità ciclistica"[file.pdf]