Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Via libera alla variazione di bilancio, Paci: soldi importanti per la Sardegna, il confronto con lo Stato è al centro della nostra azione politica comune

Dobbiamo riuscire a raggiungere un'intesa per la riduzione degli accantonamenti, perché come ha ribadito la Corte Costituzionale per le Regioni a Statuto speciale l'ntesa è necessaria: questa sarà la battaglia che porteremo avanti nei prossimi mesi e che affronteremo anche nella nostra Finanziaria. Nel frattempo, con questi 148 milioni diamo risposte importanti alla sanità, agli enti locali, alla protezione civile, ai lavoratori in utilizzo". Così ha detto l'assessore Paci.
Consiglio regionale
CAGLIARI, 21 SETTEMBRE 2017 - "Con questa variazione di bilancio mettiamo in gioco 148 milioni di soldi nuovi, freschi, che arrivano dalla chiusura di una serie di vertenze con lo Stato. Soldi che ci spettavano ma che non era così scontato arrivassero: ci siamo riusciti grazie a un lavoro costante e quotidiano in cui abbiamo rivendicato ogni singola quota. Il confronto con lo Stato in questo momento è il tema assolutamente centrale di cui discutere, una lotta che ci vede impegnati quotidianamente. Dobbiamo riuscire a raggiungere un'intesa per la riduzione degli accantonamenti, perché come ha ribadito la Corte Costituzionale per le Regioni a Statuto speciale l'ntesa è necessaria: questa sarà la battaglia che porteremo avanti nei prossimi mesi e che affronteremo anche nella nostra Finanziaria. Nel frattempo, con questi 148 milioni diamo risposte importanti alla sanità, agli enti locali, alla protezione civile, ai lavoratori in utilizzo". L'ha detto l'assessore del Bilancio Raffaele Paci intervenendo nell'Aula del Consiglio regionale durante la discussione sulla variazione approvata dalla Giunta lo scorso 7 settembre.

TUTTI GLI STANZIAMENTI DELLA VARIAZIONE - Si tratta della terza in poco più di un mese, per un totale di 200 milioni di euro. Le precedenti mettevano a disposizione 22 milioni per comparto agricolo, Province, Protezione Civile, Vigili del fuoco e 30 milioni per affrontare la crisi dell’ovicaprino. "Ora mettiamo in gioco 150 milioni nuovi che utilizziamo per partite importanti", spiega Paci. "31 milioni li utilizziamo per fare estinzione anticipata del debito pubblico regionale e riusciamo così ad aprire altrettanti spazi finanziari per i Comuni, una cosa che ci hanno chiesto più volte e che facciamo molto volentieri. Poi ci sono 117 milioni destinati alla sanità per ridurre il disavanzo, dare ossigeno alle aziende sanitarie e comprare i farmaci innovativi, 2 milioni e mezzo per gli indennizzi sulla lingua blu, 2 milioni alla Protezione Civile per il ristoro dei danni delle calamità naturali, 1 milione e 400mila euro per i lavoratori in utilizzo presso i Comuni e 600mila euro per i danni causati dalla lymantria".