Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Giornata europea delle lingue, Dessena a Nuoro: "Conferenza regionale della lingua sarda a fine novembre"

Ad annunciarlo è l’assessore della Cultura e Pubblica Istruzione Giuseppe Dessena, questa mattina presente a Nuoro, al Museo del Costume, in occasione della Giornata Europea delle lingue, per un saluto agli studenti che hanno partecipato ai laboratori in lingua sarda a loro dedicati. “Obiettivo della Conferenza ha proseguito Dessena - è quello di mettere intorno allo stesso tavolo tutte le varie componenti e anime, e dare vita a un dibattito che porti a un rafforzamento vero del settore: penso soprattutto alle scuole, alla didattica e a una diffusione capillare e costante in ogni settore della società. È certo comunque che la lingua sarda, e le varietà presenti nell'Isola, rientrino tra le priorità dell’assessorato e lo stiamo dimostrando con azioni concrete”.
Nuoro, giornata europea delle lingue
Nuoro, 26 settembre 2017 - “La prossima Conferenza Regionale della Lingua si terrà il 25 novembre nella sede dell'ISRE a Nuoro. L'auspicio è quello di poter lavorare insieme agli operatori del settore di tutta la Sardegna per pianificare una politica linguistica efficace e mirata, che dia alla lingua sarda e alle varietà alloglotte la dignità che meritano”.

Ad annunciarlo è l’assessore della Cultura e Pubblica Istruzione Giuseppe Dessena, questa mattina presente a Nuoro, al Museo del Costume, in occasione della Giornata Europea delle lingue, per un saluto agli studenti che hanno partecipato ai laboratori in lingua sarda a loro dedicati. “Obiettivo della Conferenza ha proseguito Dessena - è quello di mettere intorno allo stesso tavolo tutte le varie componenti e anime, e dare vita a un dibattito che porti a un rafforzamento vero del settore: penso soprattutto alle scuole, alla didattica e a una diffusione capillare e costante in ogni settore della società. È certo comunque che la lingua sarda, e le varietà presenti nell'Isola, rientrino tra le priorità dell’assessorato e lo stiamo dimostrando con azioni concrete”.

L’Esponente della Giunta Pigliaru ha portato un saluto a tutti gli studenti presenti al Museo del Costume per questa “importante giornata di festa, e in questo bel contesto laboratoriale, sperimentale e di promozione della nostra lingua, che si misura oggi ad armi pari con le altre lingue europee e, cosa più importante, è capace di esprimere e veicolare qualsiasi messaggio”.

Giochi, attività e spettacoli in lingua sarda. La Giornata Europea delle Lingue è stata celebrata con doppio appuntamento a Cagliari nel Corso Vittorio Emanuele, mentre a Nuoro al Museo del Costume sono stati organizzati attività per bambini, programmi televisivi e radiofonici, corsi di lingua e conferenze. “I giovani - ha detto Dessena - sono i protagonisti di questa giornata, gli eredi naturali delle nostre tradizioni e soprattutto della lingua. A loro spetta un compito importante per il futuro e noi siamo chiamati a fornire oggi gli strumenti necessari perché questo avvenga. Per ciò che riguarda la didattica, inoltre, sono orgoglioso che siano stati utilizzati anche i laboratori e i giochi multimediali presenti nel sito Sardegna Cultura. Attraverso i laboratori di Tutti a Iscol@ rafforziamo le competenze dei ragazzi, e lavoriamo a progetti e idee sempre più innovative, con l'aiuto anche della tecnologia, per la valorizzazione della lingua sarda ”.

Le attività. Sono state organizzate dallo Sportello linguistico regionale in collaborazione con Camineras, Eurodesk, Comune e Città metropolitana a Cagliari; a Nuoro con ISRE, Europe direct e Comune, al fine di incentivare il bilinguismo sardo/italiano e incrementare il plurilinguismo. “La lingua – ha concluso Dessena – è la nostra forza e la diversità linguistica è uno strumento utile per una migliore comprensione interculturale. Dobbiamo essere sempre più consapevoli che parlare e scrivere in sardo e nelle altre varietà linguistiche presenti nell'isola non è un impedimento per la conoscenza di altre lingue ma, al contrario, favorisce l’apprendimento e ci arricchisce in termini di competenze”.