Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Trasporti, pubblicato rapporto sui disservizi. Careddu: dati preziosi per migliorare

Complessivamente dal rapporto emerge un gradimento dello strumento “Segnala un disservizio”: il 50 % degli utenti suggerirebbe l’applicazione a un amico. Si apprende che il 40 % dei viaggiatori ha rilevato le risposte delle aziende abbastanza o totalmente soddisfacenti e che circa il 35 % dei disservizi non si verifica più o si verifica meno.
Cagliari, 30 settembre 2017 - Il primo rapporto sui disservizi nel trasporto pubblico regionale è da oggi a disposizione dei cittadini sulla home page del portale SardegnaMobilità.it. Oltre agli elenchi complessivi contenenti tutti i dati sono scaricabili on-line le elaborazioni effettuate sulla base delle segnalazioni e le risposte fornite dall’amministrazione per affrontare e risolvere le problematiche sollevate dagli utenti. “E’ prima di tutto un atto di trasparenza – ha detto l’assessore Carlo Careddu – che consente alla Regione di acquisire dati importantissimi per rendere il servizio sempre più efficiente e che attiva un processo virtuoso di partecipazione e collaborazione tra viaggiatori, aziende e pubblica amministrazione, nell’ambito delle politiche di open government”.

Segnalazioni e disservizi. Il rapporto analizza in totale 234 segnalazioni che hanno messo in risalto 357 disservizi nel periodo settembre 2016-giugno 2017. Riguardano il trasporto urbano ed extraurbano, ovvero i collegamenti gestiti da Trenitalia, Arst e Delcomar su ferro, gomma e mare, dalle quattro aziende municipalizzate e dalle 55 società private.

Orari e percorsi. I disservizi sono riferiti in buona parte ai collegamenti extraurani (313 casi) e in porzione minore a quelli urbani (44 casi). La percentuale più alta di segnalazioni pari al 38 % è relativa a orari e percorsi, segue lo stato del mezzo oggetto del 32 % di avvisi spediti dagli utenti, il rapporto con gli utenti (19 % di segnalazioni), fermate stazioni e infrastrutture (6 %).

Risposte. Le aziende hanno risposto intensificando l’interazione con il personale di bordo, il monitoraggio e le verifiche e la rimodulazione dei servizi. Migliorando la comunicazione interna e fornendo più informazioni agli utenti. È stata potenziata l’accessibilità ai titoli di viaggio e le segnalazioni alla Regione sui problemi al parco circolante.

Investimenti. Sul rinnovo del parco veicoli gli investimenti messi in campo in seguito alle azioni della Regione ammontano a 87,7 milioni per 18 nuovi treni nell’ambito del contratto di servizio con Trenitalia da consegnare dal 2018 al 2021; a 22,8 milioni per 100 autobus relativi a risorse dello Stato e a cofinanziamenti locali per le annualità 2015-2016; a 4,1 milioni sempre da finanziamenti statali per l’acquisto di mezzi Tpl annualità 2017-2019; a 23,9 milioni per la gomma e a 95,7 milioni per il ferro in virtù della delibera Cipe 54/2016.

Gradimento. Complessivamente dal rapporto emerge un gradimento dello strumento “Segnala un disservizio”: il 50 % degli utenti suggerirebbe l’applicazione a un amico. Si apprende che il 40 % dei viaggiatori ha rilevato le risposte delle aziende abbastanza o totalmente soddisfacenti e che circa il 35 % dei disservizi non si verifica più o si verifica meno.

Azioni della Regione. “Nonostante il grande impegno messo in campo con la cura del ferro per l’ammodernamento della rete, con il contratto di servizio Trenitalia e con il reperimento di risorse importanti per l’acquisto di nuovi bus, sappiamo che c’è ancora molto da fare – ha concluso l’assessore –: gli interventi della Regione sono molti e articolati, a partire dalla riforma del trasporto pubblico locale che rappresenta una grande opportunità. In questo scenario le segnalazioni dei cittadini ci aiuteranno sicuramente a migliorare tutte le nostre azioni”.