Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Piano Sulcis, Regione per buone pratiche e recupero sostanze da trattamento fanghi rossi

L'obiettivo è incentivare il recupero di sostanze contenute in quantità notevoli quali ferro, alluminio, titanio, o in quantitativi modesti ma di grande valore economico quali scandio e terre rare, che possono essere utilizzate per altre lavorazioni o produzioni.
CAGLIARI, 25 OTTOBRE 2017 - Le imprese devono essere indirizzate verso le buone pratiche industriali e ambientali per la riduzione dei rifiuti industriali, cioè, trasformarli da rifiuto in risorsa. Questo indirizzo generale può trovare concreta applicazione nel caso dei fanghi rossi che residuano in grande quantità dalla lavorazione della bauxite. Lo prevede una delibera approvata di recente dalla Giunta Regionale. Il provvedimento formula un atto di indirizzo per l’adozione di buone pratiche industriali ed ambientali, proprie delle politiche dell’economia circolare, che dovranno essere gradualmente adottate nel trattamento dei fanghi rossi, sinora considerati solo come rifiuti speciali non pericolosi da mettere a discarica. L’obiettivo è incentivare il recupero di sostanze contenute in quantità notevoli quali ferro, alluminio, titanio, o in quantitativi modesti ma di grande valore economico quali scandio e terre rare, che possono essere utilizzate per altre lavorazioni o produzioni. Nel passato tale recupero è stato dichiarato insostenibile dal punto di vista economico. La ricerca tecnologica attuale ha però aperto nuove strade. La valutazione sulle prospettive scientifiche di tali processi industriali è stata certificata dal Centro per la Sostenibilità Ambientale (CESA) costituito nell’ambito del Piano Sulcis. Il rapporto del CESA esprime inoltre un giudizio positivo su una nuova tecnologia, sviluppata da un qualificato centro di ricerca di azienda privata sarda. Questa strada è battuta anche da altri soggetti. Le potenzialità di applicazione sono per ora su scala ridotta ma già rendono possibile la realizzazione di un impianto di dimostrazione industriale di taglia significativa, cioè dell’ordine di 80/100mila tonnellate/anno di fango. Lo stato dell’arte non consente attualmente alternative all’abbancamento dei fanghi rossi, da attuarsi secondo le migliori pratiche disponibili, ma nel tempo la tecnica è destinata a cambiare. Lo sviluppo e l’applicazione industriale delle tecnologie di recupero e utilizzo risponderebbero dunque a molti obiettivi. "Troppo spesso - sottolineano l’assessora dell’Industria, Maria Grazia Piras e il coordinatore del Piano Sulcis, Tore Cherchi - interpretiamo il rifiuto come un materiale di scarto, in questo caso molto costoso da smaltire. Questa è una visione lineare della produzione. Ben più intrigante è ragionare in termini di economia circolare, in cui il rifiuto diventa materiale, spesso nobile, per successive lavorazioni. Valorizzare gli studi su questa materia e applicarli alla produzione industriale – aggiungono – è, nelle migliori prassi internazionali, fonte di opportunità di reddito e di occupazione. Su questo sentiero vogliamo lavorare e questa delibera è un primo passo verso lo sviluppo dell’economia circolare".