Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Ambiente, 700mila euro per i piani di gestione della rete natura 2000. Spano: investimento in sostenibilità

"Stiamo investendo in sostenibilità in ogni azione: completare l'approvazione dei Piani di gestione dei siti Natura 2000 è un obiettivo strategico per consegnare ai territori nuove vie di sviluppo sostenibili grazie alla tutela ambientale", ha affermato l'assessora Spano.
CAGLIARI, 27 OTTOBRE 2017 - Sono pari a 700mila euro nel biennio 2017-2018 le risorse per redigere o aggiornare i piani di gestione dai siti della rete Natura 2000, individuati ai sensi della normativa europea, cioè dei SIC, i Siti di interesse comunitario, delle ZSC, le Zone speciali di conservazione, e/o le ZPS, le Zone di protezione speciale. Lo ha deliberato oggi la Giunta guidata da Francesco Pigliaru su proposta dell’assessora della Difesa dell’Ambiente Donatella Spano.

"Stiamo investendo in sostenibilità in ogni azione: completare l'approvazione dei Piani di gestione dei siti Natura 2000 è un obiettivo strategico per consegnare ai territori nuove vie di sviluppo sostenibili grazie alla tutela ambientale", ha affermato l’assessora Spano che ha aggiunto: “Allo stato attuale alcuni siti Natura 2000 non hanno aggiornato o non si sono ancora dotati di piani di gestione o di misure di conservazione, e quindi non sono idonei a garantire una corretta gestione dei siti. Gli stanziamenti della Giunta permetteranno di completare il processo".

Le risorse sono destinate agli enti pubblici nel cui territorio ricadono, in tutto o in parte, SIC, ZSC e/o ZPS privi di piano di gestione o da aggiornare. Nell’Isola sono 93 i SIC e 37 le ZPS. A ventuno Siti di interesse comunitario occorre l’aggiornamento dei piani, risalenti a dieci anni fa, e sette sono ancora senza un piano di gestione. Da realizzare, inoltre, il piano di dieci ZPS. La dotazione di piani aggiornati o di idonee misure di conservazione per tutte le aree della Rete Natura 2000, in particolare per i SIC, è indispensabile anche alla luce del processo di designazione dei SIC quali ZSC, come prevede la normativa comunitaria.