Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Clima, Spano: sfida che coinvolge tutti i livelli per creazione rete unica

Lo dice l'assessora della Difesa dell'Ambiente della Regione Sardegna e coordinatrice della Commissione Ambiente ed Energia della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, Donatella Spano, che nei giorni scorsi è stata impegnata, a Bologna, nella tavola rotonda sulle politiche di adattamento ai cambiamenti climatici organizzata durante la V conferenza annuale della Sisc (Società italiana per le scienze del clima) e, in Sardegna, per la prima edizione dell’evento Climathon, la maratona di idee innovative sul clima sostenuta dalla Regione a Cagliari e a Sassari.
Cagliari, 31 ottobre 2017 – “L’Italia sta lavorando a tutti i livelli per contrastare i mutamenti del clima e attualmente è in fase di consultazione pubblica il Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici, rilasciato quest’anno. Ora occorre rafforzare la rete su tutti i fronti, da quelli locale e regionale sino ai livelli nazionale e internazionale. Le strategie regionali e nazionali sono un punto di partenza affinché il Governo possa operare con un’unica regia efficace e incisiva”. Lo dice l'assessora della Difesa dell'Ambiente della Regione Sardegna e coordinatrice della Commissione Ambiente ed Energia della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, Donatella Spano, che nei giorni scorsi è stata impegnata, a Bologna, nella tavola rotonda sulle politiche di adattamento ai cambiamenti climatici organizzata durante la V conferenza annuale della Sisc (Società italiana per le scienze del clima) e, in Sardegna, per la prima edizione dell’evento Climathon, la maratona di idee innovative sul clima sostenuta dalla Regione a Cagliari e a Sassari.

LA TAVOLA ROTONDA DI BOLOGNA. Fondamentale l’incontro bolognese per discutere trasversalmente le politiche mirate a fronteggiare gli impatti dei cambiamenti climatici attesi. “In Italia le politiche di adattamento rappresentano un mosaico costituito da un insieme di iniziative, dal livello locale a quello nazionale, che necessitano di un quadro organizzativo coerente a garanzia della consistenza delle azioni, della possibilità di creare sinergie e della massimizzazione della loro stessa efficienza”, spiega Spano, che prosegue: “L’implementazione di tali politiche deve coinvolgere diversi attori, ed è necessario dunque promuovere un nuovo approccio di governance fondato sulla rete tra territori, regioni, Paese e livello internazionale, sotto la regia del Governo, che possa facilitare le azioni di adattamento attraverso attività di coordinamento tra i diversi livelli politici".

LA SARDEGNA. L’Isola è tra le Regioni che stanno giocando un ruolo di primo piano nella partita di una strategia coesa per la sfida del clima, che includa le politiche territoriali, paesaggistiche, ambientali, sanitarie, produttive e di protezione civile. “Siamo capofila nazionale per l'armonizzazione e il monitoraggio della strategia nazionale“, chiarisce Donatella Spano. In ambito regionale l’assessorato di cui è titolare ha poi il compito di supervisionare il “Tavolo di coordinamento interassessoriale per la strategia regionale”, attivato due anni fa dalla Giunta Pigliaru. E conclude: “Con questo Tavolo stiamo mettendo a sistema tutte le politiche settoriali per avere una strategia regionale assolutamente coerente e stiamo mirando a coinvolgere maggiormente i territori, come abbiamo fatto con l’iniziativa Climathon nelle città di Cagliari e Sassari”.