Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Lavoro, accordo su ammortizzatori in deroga per aree di crisi complessa, via libera alla proroga

L'intesa dà il via libera all'utilizzo delle risorse già assegnate alla Sardegna, a valere sul decreto legislativo n. 148 del 2015, per la proroga dei trattamenti di mobilità in deroga fino al 31 agosto 2018, a favore di 886 lavoratori, con un impegno di spesa complessivo di 10,6 milioni di euro.
Portovesme industria
CAGLIARI, 8 NOVEMBRE 2017 - È stato siglato questa mattina tra Regione e organizzazioni sindacali, alla presenza della Direzione regionale dell'INPS, l’accordo che autorizza il ricorso agli stanziamenti previsti per le aree di crisi complessa di Portovesme e di Porto Torres, in applicazione della recente normativa. L'intesa dà il via libera all'utilizzo delle risorse già assegnate alla Sardegna, a valere sul decreto legislativo n. 148 del 2015, per la proroga dei trattamenti di mobilità in deroga fino al 31 agosto 2018, a favore di 886 lavoratori, con un impegno di spesa complessivo di 10,6 milioni di euro.

"L'accordo di oggi - dice l'assessora del Lavoro, Virginia Mura - dà piena attuazione alle disposizioni normative nazionali e ai decreti ministeriali rivolti alle aree di crisi complessa. È una risposta significativa, sebbene si tratti di un intervento di politica passiva, utile a dare parziale sollievo in alcuni territori particolarmente colpiti dalla pesante crisi industriale e dalla conseguente emergenza occupazionale. Permane, tuttavia, la necessità di assicurare la copertura dei trattamenti in deroga a favore di altre fasce di lavoratori delle aree di crisi non complessa, come sollecitato dai sindacati, per il biennio 2016-2017. Sul punto – prosegue l’assessora Mura – condividendo le pressanti richieste delle organizzazioni sindacali, vi è l’impegno a reperire altre risorse attivando ogni azione possibile nelle sedi competenti, per porre rimedio alla situazione di disagio sociale ed economico che grava sui lavoratori e sulle loro famiglie, anche nelle aree di crisi non complessa".


Nel frattempo, è stato attivato un tavolo tecnico, composto dall’Assessorato del Lavoro e dall’INPS, per verificare nell’arco di due settimane la capienza dei fondi disponibili. “Rispetto alle istanze presentate – conclude la titolare del Lavoro – ho preso atto favorevolmente dell’impegno da parte dell’INPS a riesaminare le richieste a suo tempo rigettate perché fuori termine".