Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Urbanistica, semplificazione e impiego più razionale del patrimonio immobiliare esistente. Erriu: vantaggi per cittadini e imprese

"La finalità principale di questo provvedimento - spiega l'assessore Erriu - è quella di agevolare le modifiche di destinazione d'uso delle unità immobiliari presenti all’interno del tessuto edilizio consolidato, favorendo l'utilizzo di un patrimonio spesso ostacolato da procedure burocratiche complesse, anche nei casi in cui il cambio di destinazione non costituisce una particolare criticità".
Assessorato Enti Locali
CAGLIARI, 22 NOVEMBRE 2017 - La Giunta ha approvato la direttiva sulle Categorie funzionali urbanisticamente rilevanti e la destinazione d’uso degli immobili. La delibera presentata dall’assessore dell’Urbanistica Cristiano Erriu, consente la piena applicabilità del relativo articolo della legge regionale n. 11/2017 (Disposizioni urgenti in materia urbanistica ed edilizia), individuando anche i dati dimensionali relativi ai servizi strettamente connessi alla residenza.
"La finalità principale di questo provvedimento - spiega l’assessore Erriu - è quella di agevolare le modifiche di destinazione d’uso delle unità immobiliari presenti all’interno del tessuto edilizio consolidato, favorendo l’utilizzo di un patrimonio spesso ostacolato da procedure burocratiche complesse, anche nei casi in cui il cambio di destinazione non costituisce una particolare criticità. Salvo esplicite esclusioni previste nella regolamentazione tecnica di attuazione comunale, diventa ora possibile mutare la destinazione d’uso di ogni singola unità immobiliare all’interno della stessa categoria funzionale urbanisticamente rilevante, con una semplice comunicazione al SUAPE, lo Sportello unico per le attività produttive e l’edilizia. Nei casi, invece, di modifica di destinazione d’uso urbanisticamente rilevante ad un’altra, dovendosi verificare la compatibilità della modifica con la destinazione di zona urbanistica e con le dotazioni di standard urbanistici, sarà necessaria una SCIA, la Segnalazione certificata di inizio attività".

"La delibera - spiega Erriu - va nella direzione di un più razionale impiego del patrimonio immobiliare esistente, sia per la riduzione di nuovo consumo di suolo che di rivitalizzazione dei centri urbani, assecondandone le dinamiche evolutive. In particolare, all’interno della categoria funzionale residenziale sono stati inseriti anche i cosiddetti servizi strettamente connessi alla residenza, che non vanno confusi con i servizi e gli spazi pubblici, i quali non vengono messi in discussione da questo provvedimento, e la cui dotazione deve essere garantita, nel rispetto delle vigenti disposizioni, in sede di pianificazione. In sostanza, la categoria funzionale residenziale comprende sia la destinazione d’uso tipicamente abitativa, sia le funzioni private complementari alla stessa. Hanno tale destinazione gli edifici e le aree presenti nelle zone urbanistiche omogenee A, B e C e all’interno dei centri rurali, destinati a studi professionali, attività commerciali, artigianali, turistico-ricettive, di ristorazione, socio-sanitarie e uffici in genere, attività, in pratica, di iniziativa privata e di cui si è dimostrata impossibile una rigida pianificazione".
Il provvedimento fissa inoltre i limiti dimensionali all’interno dei quali tali attività possono essere considerate complementari al tessuto residenziale al quale appartengono. La delibera approvata oggi sarà resa esecutiva con Decreto del Presidente della Regione e conseguente pubblicazione nel Buras. Il documento tecnico allegato sarà invece pubblicato nel sito istituzionale dell’Amministrazione regionale (www.regione.sardegna.it) e nel portale tematico SardegnaTerritorio.