Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Ippica, passa da 1 a 1,3 milioni la dotazione finanziaria stanziata dalla Regione per il comparto. Caria: la Sardegna deve riconquistare il ruolo guida nel settore

Le risorse aggiuntive, frutto dell'ultimo assestamento di bilancio votato dal Consiglio regionale lo scorso 28 novembre, saranno trasferite all'Agenzia Agris Sardegna che le utilizzerà per il rilancio del settore equino regionale.
cavallino della giara
CAGLIARI, 20 DICEMBRE 2017 - Su proposta dell’assessore dell’Agricoltura, Pier Luigi Caria, la Giunta ha approvato l’integrazione di ulteriori 300 mila euro, che si vanno a sommare al milione già stanziato per l’annualità 2017, destinati al comparto ippico isolano. Le risorse aggiuntive, frutto dell’ultimo assestamento di bilancio votato dal Consiglio regionale lo scorso 28 novembre, saranno trasferite all’Agenzia Agris Sardegna che le utilizzerà per il rilancio del settore equino regionale.

Indirizzo di spesa. I primi 150 mila euro sono dedicati all'acquisto di riproduttori e materiale seminale di pregio, per far fronte all’attuale grave riduzione del parco regionale stalloni, dovuto a senescenza e alla recente perdita di alcuni soggetti per malattia. Tali risorse sarebbero quindi utili a compensare, almeno in parte, le criticità consentendo ad Agris di continuare a garantire il servizio della riproduzione equina. Gli altri 150 mila euro sono invece destinati per l’attività selettiva, di miglioramento genetico e qualificazione del parco fattrici, anche attraverso un ulteriore promozione dei gruppi di selezione. I fondi saranno ripartiti nella misura massima di 1.200 euro a soggetto (circa 125). Verranno considerate finanziabili tutte le fattrici di elevata genealogia e caratteristiche sportive della razza Anglo Araba di prima e seconda sezione del competente Libro genealogico, già selezionate e in piena attività riproduttiva.

L'assessore. La delibera arriva a pochi giorni dall’incontro organizzato a Oristano dai maggiori portatori di interesse istituzionali, associativi e privati del mondo equestre sardo a cui hanno partecipato l’assessore Caria e i vertici di Agris. Tema dei lavori l’allevamento del cavallo sportivo in Sardegna e le prospettive future dell’Anglo Arabo. “Crediamo molto in questo settore dove la nostra regione è stata in passato leader sul piano nazionale. Abbiamo quindi integrato di altri 300 mila euro il fondo iniziale puntando soprattutto nel sostenere gli allevamenti così da rimettere in moto quel percorso virtuoso che può permettere alla Sardegna di riconquistare il terreno perso in questi ultimi anni. La storica tradizione dell’allevamento del cavallo attira investitori stranieri, soprattutto dei Paesi del Golfo Persico. Su questo target, ma non solo – ha concluso l’assessore – dobbiamo ancora investire tanto, poiché le possibilità di espansione dei nostri mercati di vendita hanno un potenziale dove possiamo ancora crescere tanto".