Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Referendum insularità. Pigliaru: "Rispetto per deliberazione ufficio. Al di là di questioni tecnico-giuridiche, valide le ragioni nel merito"

"Qualunque sia l'esito finale del ricorso ora annunciato dal Comitato promotore, ritengo fondamentale portare avanti con decisione il percorso di riconoscimento dell'insularità con il pieno coinvolgimento dei cittadini sardi", spiega il presidente Pigliaru.
Presidente Pigliaru
CAGLIARI, 30 GENNAIO 2018 - "L'Ufficio del Referendum, nella sua piena autonomia, ha assunto una decisione per la quale esprimo il massimo rispetto. Al di là delle questioni tecnico-giuridiche affrontate dall'Ufficio, ritengo comunque che non vengano meno le ragioni di merito su questo argomento per noi così importante".

Lo dichiara il presidente Francesco Pigliaru in riferimento alla non ammissibilità del referendum sull'insularità. "Decine di migliaia di cittadini sardi, con la loro partecipazione - prosegue il presidente Pigliaru -, hanno infatti mostrato chiaramente la volontà di esprimersi sul tema dell’insularità inteso come svantaggio permanente per lo sviluppo della nostra regione. Qualunque sia l’esito finale del ricorso ora annunciato dal Comitato promotore, ritengo fondamentale portare avanti con decisione il percorso di riconoscimento dell’insularità con il pieno coinvolgimento dei cittadini sardi", spiega Francesco Pigliaru.

"Questa Giunta ha lavorato fin da principio sulla questione insularità come fattore strutturale di svantaggio: dal dossier sui costi che ne derivano presentato al Governo italiano e dal quale è scaturito il Patto per la Sardegna con risorse per mitigare alcuni di quegli svantaggi, al costante lavoro fatto in questi anni con Baleari e Corsica per un’azione congiunta a favore delle isole periferiche, sino alla forte richiesta al Governo perché si attivi per ottenere dall’Unione Europea una concreta attuazione dell’articolo 174 del TFUE, richiesta che si affianca all’iniziativa dei Parlamentari sardi nell’ultima legge di stabilità nazionale. Per questo ogni proposta legittima che possa rafforzare l’azione comune per il raggiungimento dei nostri obiettivi - conclude il Presidente della Regione - è non solo da auspicare ma da sostenere"-