Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Trasporti marittimi, via libera legge su continuità territoriale Sardegna-Corsica

La compensazione economica prevista dalla Regione sarà destinata a garantire il trasporto nei mesi invernali, da novembre a marzo, mentre nel restante periodo dell’anno la domanda di mercato consente la prestazione del servizio in regime di libero mercato.
Corsica
Cagliari, 1 febbraio 2018 - "Esprimo molta soddisfazione per la tempestiva approvazione della legge sulla continuità territoriale marittima tra Sardegna e Corsica". Lo dice l'assessore Carlo Careddu a seguito del varo, oggi in Consiglio regionale, del disegno di legge proposto dalla Giunta che prevede lo stanziamento di 2.557.500 euro per la copertura degli oneri di servizio dal 2018 al 2020. Il provvedimento individua le risorse con le quali sarà gestito il collegamento tra le due isole da Santa Teresa di Gallura a Bonifacio "definendo un percorso complicato sotto il profilo amministrativo e normativo, frutto anche di un dialogo proficuo e costruttivo tra l'istituzione consiliare e il governo regionale", continua l’assessore dei Trasporti.

La compensazione economica prevista dalla Regione sarà destinata a garantire il trasporto nei mesi invernali, da novembre a marzo, mentre nel restante periodo dell’anno la domanda di mercato consente la prestazione del servizio in regime di libero mercato. Seguirà una procedura ad evidenza pubblica "attraverso la quale sarà selezionato un armatore di comprovata esperienza nel settore che dovrà gestire la tratta in continuità, nel rispetto di orari, tariffe e servizi specifici a garanzia del diritto alla mobilità dei cittadini sardi e corsi e del libero scambio delle merci", conclude Careddu. Nella rotta Santa Teresa di Gallura - Bonifacio nel 2016 sono stati trasportati 259.621 mila passeggeri e movimentate 16.731 tonnellate di merci.

Pur essendo di natura internazionale il collegamento riveste interesse prevalentemente locale, essendo considerato una rotta frontaliera a breve distanza. Questa caratteristica riconosciuta con decisioni ad hoc dalla Commissione europea consente all’amministrazione regionale di ripristinare il pubblico servizio nel rispetto della normativa comunitaria e nazionale.

Come previsto dalla dichiarazione di intenti firmata da Sardegna e Corsica ad aprile 2017, l’affidamento della rotta in continuità avviene in regime sperimentale in attesa che si costituisca il Gruppo europeo di cooperazione territoriale, per le gestione congiunta dei servizi transfrontalieri di trasporto tra le isole, nell’ottica di ottimizzare le relazioni economiche e nel rispetto delle esigenze peculiari espresse dalle regioni coinvolte. Ajaccio si occuperà di attivare gli oneri di servizio pubblico per la tratta Propriano-Porto Torres.