Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Case della salute, Pigliaru a inaugurazione struttura di Fluminimaggiore

"Le case della salute sono un tassello essenziale del disegno che abbiamo impostato per migliorare la sanità della Sardegna" ha detto il presidente Francesco Pigliaru.
Fluminimaggiore, 16 febbraio 2018 - Taglio del nastro, questa mattina, per l’avvio ufficiale dell’attività a regime della Casa della Salute di Fluminimaggiore. Rimessa a nuovo con un investimento di 670 mila euro, nella struttura operano insieme medici di medicina generale, specialisti ambulatoriali, medici di continuità assistenziale, gli operatori del servizio di Diabetologia, della Salute mentale, infermieri ambulatoriali, domiciliari, di comunità e il Consultorio familiare e, a breve, pneumologo e chirurgo. All’apertura ufficiale, questa mattina, il presidente della Regione, Francesco Pigliaru, gli assessori della Sanità e degli Enti locali, Luigi Arru e Cristiano Erriu, il direttore generale dell’Ats, Fulvio Moirano, con il sindaco Ferdinando Pellegrini, consiglieri regionali e parlamentari del territorio.

PIGLIARU. "Le case della salute sono un tassello essenziale del disegno che abbiamo impostato per migliorare la sanità della Sardegna" ha detto il presidente Francesco Pigliaru. "Gli ospedali devono essere messi nelle condizioni di potersi concentrare sugli interventi più importanti, come l'alta specializzazione e gli acuti, alleggerendosi di ciò che può essere trattato bene a livello territoriale. Per questo stiamo spingendo molto sulle case per la salute e siamo pronti a trovare risorse per aprirne tante altre e quanto prima. La Sardegna – ha affermato ancora Francesco Pigliaru - vince se ragiona come sistema, in forte collaborazione, ognuno col proprio ruolo. Ora - ha concluso - mi aspetto che queste case della salute siano connesse digitalmente con gli ospedali e che il paziente possa esser collegato con il miglior medico di quella specialità per consentire alle case della salute di offrire un servizio sempre migliore su tutto il territorio regionale".

ARRU. Per l’assessore Luigi Arru “le case della salute, in zone come questa, sono segnali di attenzione per territori difficilmente accessibili. Vogliamo far capire che la medicina sta cambiando, che la sanità sta cambiando e lo facciamo con segni tangibili come questa struttura, nella quale i cittadini trovano operatori che lavorano insieme e servizi in rete”.

ERRIU. Secondo l’assessore degli Enti locali, Cristiano Erriu, “l’esempio di Fluminimaggiore consente di appurare in modo tangibile come la riorganizzazione dei servizi socio-sanitari intercomunali, attraverso la governance delle Unioni dei Comuni, consenta di superare le criticità che finora hanno impedito la territorializzazione dei servizi sanitari. Questo è un segnale importantissimo della presenza nei territori della Regione”.

MOIRANO. “Con l’apertura di questa nuova struttura – ha detto il direttore generale dell’Ats, Fulvio Moirano, - abbiamo inserito un altro importante tassello nel nostro sistema di assistenza nell’ambito del Distretto socio sanitario di Iglesias ed in particolare per i cittadini dei Comuni di Fluminimaggiore e Buggerru. Ringrazio tutti coloro che hanno lavorato per rendere possibile l’apertura di questa nuova realtà che si integra perfettamente nel modello di riorganizzazione della rete ospedaliera, garantendo fondamentali servizi utili anche al fine di prevenire ricoveri inappropriati oltre che la corretta presa in carico dei pazienti al momento delle dimissioni ospedaliere".