Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Programmazione territoriale, chiuso il progetto "Su Suercone": 10 milioni dalla Regione. Paci: così si crea sviluppo e lavoro. Spanu: intervento in linea con il Piano di rilancio del Nuorese

"Il progetto che riguarda l’area di Su Suercone - dichiara l’assessore Spanu - si lega perfettamente al Piano di Rilancio del Nuorese per il quale sono in fase di avvio 15 progetti per un investimento complessivo di circa 30 milioni di euro. Altri tre progetti per un valore di circa 10 milioni di euro sono ormai in dirittura d’arrivo. È una precisa idea di sviluppo che riguarda un ampio territorio sulla base di una stretta relazione tra cultura, tradizioni, ambiente e turismo."
Gli assessori Filippo Spanu e Raffaele Paci a Orgosolo per il protocollo d'intesa sul progetto "Su Suercone"
Orgosolo, 6 aprile 2018 - Chiuso, firmato e finanziato il progetto "Su Suercone, ambiente identitario" all’interno della Programmazione territoriale. Dieci milioni di euro, di cui quasi 5 di nuova finanza e gli altri stanziati per interventi all’interno del Piano di rilancio del Nuorese.

"Ambiente, cultura, identità sono le tre direttrici su cui si snoda questo progetto", ha spiegato l’assessore della Programmazione Raffaele Paci. "Vogliamo valorizzare un patrimonio unico, con l’Università che svolge un ruolo di primo piano. Puntiamo sul capitale umano e sull’innovazione tecnologica, che è fondamentale e senza la quale non si può pensare a un vero sviluppo, pur tenendo intatta la nostra tradizione. Questo progetto va poi collegato ad altri che la Regione sta portando avanti, a partire dal Piano LavoRas con i cantieri e i bonus occupazionali, per creare occasioni di crescita e dare nuove opportunità ai nostri giovani che devono poter restare in Sardegna a costruire il loro futuro".

Stasera, nell’Auditorium della Biblioteca comunale di Orgosolo, Paci ha sottoscritto con Marcello Barone, presidente della Comunità montana Nuorese, Gennargentu, Supramonte, Barbagia e sindaco di Mamoiada, il Protocollo d’Intesa per l’attuazione del Progetto di Sviluppo Territoriale ‘Su Suercone, ambiente identitario’. Hanno aderito all’accordo tutti i sindaci dei Comuni che fanno parte della Comunità montana: oltre a Mamoiada, Dorgali, Fonni, Oliena, Orani, Orgosolo, Orotelli e Ottana. Era presente l’assessore agli Affari generali Filippo Spanu che ha seguito tutto l’iter del Piano di Rilancio del Nuorese il quale, in alcuni aspetti specifici, è strettamente legato agli interventi che riguardano l’area di Su Suercone.

"Il progetto che riguarda l’area di Su Suercone - dichiara l’assessore Spanu - si lega perfettamente al Piano di Rilancio del Nuorese per il quale sono in fase di avvio 15 progetti per un investimento complessivo di circa 30 milioni di euro. Altri tre progetti per un valore di circa 10 milioni di euro sono ormai in dirittura d’arrivo. È una precisa idea di sviluppo che riguarda un ampio territorio sulla base di una stretta relazione tra cultura, tradizioni, ambiente e turismo. Tutti i progetti sono il frutto di un processo condiviso sulla base delle effettive esigenze manifestate dalle comunità con un modello di programmazione dal basso e il totale coinvolgimento delle migliori energie".

Il Sito di importanza comunitaria Su Suercone è una delle Aree di Rilevanza Strategica individuate dal PO FESR 2014-2020 su cui si interviene prioritariamente attraverso interventi di valorizzazione ambientale finalizzati al miglioramento della competitività e dell’attrattività turistica. Nel territorio un importante polo di attrazione marino-balneare si affianca ad una molteplicità di prodotti turistici riferibili al segmento del turismo attivo. Tre le azioni su cui si basa il progetto di sviluppo territoriale.

L’azione 1 contempla interventi finalizzati al completamento dei singoli nodi alla base dell’infrastruttura turistico-territoriale, per migliorare il grado di accessibilità e di fruibilità della sentieristica esistente e ampliare la rete di sentieri attraverso la riapertura e il recupero di vecchi tracciati. È prevista inoltre la realizzazione di una serie coordinata di strutture polifunzionali e di impianti a supporto della pratica sportiva lungo il circuito di valorizzazione degli attrattori ambientali. In corrispondenza delle tre porte d’accesso al territorio ritenute strategiche in chiave turistica (Orgosolo, Oliena e Dorgali) è prevista la realizzazione di una rete di centri di accoglienza turistica.

L’azione 2 valorizza la progettualità presentata, e che sarà realizzata, all’interno del Piano di Rilancio del Nuorese e si articola attraverso interventi per valorizzare pienamente il patrimonio archeologico, museale e i tesori delle tradizioni.

L’azione 3 prevede un modello di governance territoriale capace di coinvolgere gli Enti Pubblici Locali, i privati, le Associazioni e i portatori d’interesse in generale, nonché gli altri organismi chiamati a programmare lo sviluppo territoriale.