Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Unione Europea, il 9 e 10 aprile la Vice Presidente della Commissione Pesca a Cagliari e Olbia incontra Caria e partecipa ai lavori su filiera ittica

L’iniziativa, organizzata dai Gruppi di azione costiera (Flag nord Sardegna, Flag Sardegna orientale e Flag sud occidentale), in collaborazione con l’Agenzia regionale Laore, sarà l’occasione per fare il punto sulle attività e sulle riforme che hanno interessato il settore in una delle realtà produttive più importanti e numericamente più consistenti d’Italia.
Cagliari, 7 aprile 2018 - Due giorni di lavori, incontri e visite dedicati al mondo della pesca sardo attendono la prossima settimana la vice presidente della Commissione Pesca del Parlamento europeo, Renata Briano. Si inizia la mattina di lunedì 9 aprile a Villa Devoto a Cagliari dove l’assessore dell’Agricoltura, competente anche per la Pesca e l’Acquacoltura, Pier Luigi Caria accoglierà l’eurodeputata e i rappresentanti delle organizzazioni territoriali dei pescatori per un confronto sulle opportunità che l’UE può offrire al comparto isolano. Poi, nel pomeriggio, Caria e Briano visiteranno lo stagno di Santa Gilla. Il clou della permanenza in Sardegna della rappresentante di Bruxelles è previsto per martedì a Olbia dove si terrà dalle 9.30 alle 18, nel Museo archeologico, il convegno dal titolo: "La filiera ittica in Sardegna. Stato dell’arte e prospettive".

L’iniziativa, organizzata dai Gruppi di azione costiera (Flag nord Sardegna, Flag Sardegna orientale e Flag sud occidentale), in collaborazione con l’Agenzia regionale Laore, sarà l’occasione per fare il punto sulle attività e sulle riforme che hanno interessato il settore in una delle realtà produttive più importanti e numericamente più consistenti d’Italia. Non solo mare quindi, ma anche acquacoltura e attività in laguna e negli stagni, dove la Sardegna è uno dei leader nazionali. Fra i relatori che interverranno a Olbia, oltre a Caria e Briano, anche il padrone di casa e presidente del Flag Benedetto Sechi, le rappresentanze istituzionali del territorio, imprenditori e studiosi delle università.