Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Sardegna Vinitaly, la vernaccia del 2004 di Silvio Carta conquista l'olimpo dei vini alla prestigiosa rassegna internazionale di Verona

"Questo risultato è una vittoria per tutta la Sardegna e per le sue tante imprese vitivinicole che da anni hanno dimostrato nei mercati internazionali di avere le carte in regola per sedere fra i grandi nomi”. Lo ha detto da Verona l’assessore dell’Agricoltura, Pier Luigi Caria, che ha aggiunto: "La qualità delle produzioni, la storia di un territorio e la tradizione nelle lavorazioni sono la vera marcia in più con cui la Sardegna può conquistare nuovi mercati e consolidarsi in quelli storici".
Agricoltura vigneti uva vendemmia vino
Cagliari, 15 aprile 2018 - La Sardegna conquista la vetta della prestigiosa rassegna internazionale del Vinitaly di Verona. Alla vernaccia del 2004 di Silvio Carta va il riconoscimento di Primo vino in assoluto della 52esima edizione. La storica cantina di Baratili San Pietro, in provincia di Oristano, rinomata anche per i distillati, sbaraglia quindi gli agguerriti competitor mondiali e raggiunge l’Olimpo dei vini.

"Questo risultato è una vittoria per tutta la Sardegna e per le sue tante imprese vitivinicole che da anni hanno dimostrato nei mercati internazionali di avere le carte in regola per sedere fra i grandi nomi”. Lo ha detto da Verona l’assessore dell’Agricoltura, Pier Luigi Caria, che ha aggiunto: "La qualità delle produzioni, la storia di un territorio e la tradizione nelle lavorazioni sono la vera marcia in più con cui la Sardegna può conquistare nuovi mercati e consolidarsi in quelli storici".

Un commento a caldo anche da parte del vincitore Silvio Carta: "È stato un grosso piacere ricevere questo riconoscimento, non solo per noi ma per la Sardegna intera. Come regione abbiamo ancora tanto da esprimere in termini di qualità delle produzioni e sul piano della promozione dei vini e dei territori. La nostra è una terra straordinaria e dobbiamo investire ancora di più nel proporci al mondo".