Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Patrimonio boschivo, Spano a Budoni: occasione di fruizione sostenibile pineta Li Cucutti e Sant'Anna grazie a convenzione con Forestas

Dopo Bonorva e Thiesi, questa è la terza convenzione attivata tra Forestas e Amministrazioni comunali. "Stiamo dando operatività alla nostra legge forestale usando lo strumento convenzionale, efficace e innovativo, previsto dalla norma stessa", ha detto Spano.
Forestas
Cagliari, 20 aprile 2018 - L'area di 13 ettari della pineta litoranea Li Cucutti e Sant'Anna di Budoni sarà gestita da Forestas grazie alla convenzione della durata quindicennale siglata oggi tra l'agenzia Forestas e il Comune.

"Stiamo dando operatività alla nostra legge forestale usando lo strumento convenzionale, efficace e innovativo, previsto dalla norma stessa. Infatti la convenzione attraverso i piani particolareggiati, redatti e rendicontati annualmente dalle Amministrazioni comunali con il supporto di Forestas, consentirà di intervenire per la tutela forestale ma anche di attrarre risorse europee con le quali sperimentare la fruizione sostenibile del territori", ha dichiarato l'assessora della Difesa dell'ambiente Donatella Spano che, oggi a Budoni, era presente alla firma tra il sindaco Giuseppe Porcheddu e il direttore generale dell'Agenzia Antonio Casula.

Dopo Bonorva e Thiesi, questa è la terza convenzione attivata tra Forestas e Amministrazioni comunali. Donatella Spano ha ripercorso i punti salienti del documento e tutte le opportunità della legge forestale, che permette anche di mettere a valore sia le aree del pubblico sia del privato nei casi in cui le Amministrazioni e altri soggetti fossero interessati. Per la pineta di Budoni, l’Agenzia mette a disposizione personale, mezzi e competenze per risanare una fascia costiera così importante per la fruizione turistica. "Abbiamo un sistema di circa 13 ettari attualmente fortemente danneggiato dai parassiti - ha concluso la titolare dell'Ambiente -. Diventa urgente intervenire per cercare di contenere la propagazione del parassita ad altre foreste e sono certa che in breve tempo potranno iniziare i lavori di sistemazione".