Prova la versione BETA del sito e invia la tua opinione
Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Giardini storici, il 26 e 27 maggio nuovo appuntamento con le passeggiate nella bellezza alla Villa Piercy di Bolotana

Dopo il successo delle prime quattro tappe va in scena domani, sabato 26 maggio, e domenica 27 nel parco inglese di Villa Piercy a Bolotana, in località Badde Salighes: la villa, recentemente restituita all’antico splendore, e il suo giardino ricco di piante autoctone e varietà esotiche da tutto il mondo voluti dall’ingegnere gallese Benjamin Piercy saranno protagonisti della nuova "passeggiata nella bellezza" nella rete dei "Giardini Storici di Sardegna", le sette eccellenze botaniche e paesaggistiche isolane.
Bolotana, Villa Piercy, parco inglese
Cagliari, 25 maggio 2018 - Quinto weekend all’insegna di eccellenze naturali e storiche e del turismo accessibile. Dopo il successo delle prime quattro tappe va in scena domani, sabato 26 maggio, e domenica 27 nel parco inglese di Villa Piercy a Bolotana, in località Badde Salighes: la villa, recentemente restituita all’antico splendore, e il suo giardino ricco di piante autoctone e varietà esotiche da tutto il mondo voluti dall’ingegnere gallese Benjamin Piercy saranno protagonisti della nuova "passeggiata nella bellezza" nella rete dei ‘Giardini Storici di Sardegna’, le sette eccellenze botaniche e paesaggistiche isolane.

PRIMAVERA ACCESSIBILE 2018. L’iniziativa, attivata dall’assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio con il Polo Museale della Sardegna – Mibact, l’Università di Cagliari, i Comuni coinvolti, l’Unione dei Comuni del Marghine e il supporto scientifico dell’agenzia regionale Forestas, fa parte del progetto di turismo accessibile ITACA (‘Primavera accessibile 2018’), finanziato dal Programma di cooperazione Interreg Marittimo IT-FR 2014-2020. I sette appuntamenti nei giardini storici valorizzano eccellenze ambientali e naturalistiche e le biodiversità dei nostri territori, insieme ai valori aggiunti di storia, cultura e senso di comunità, con l’obiettivo promuovere un’offerta turistica di qualità nel segmento del turismo lento.

ECCELLENZE NATURALI E ACCESSIBILITÀ. Le ‘passeggiate’ primaverili nei giardini, divise in due giornate (la prima per addetti ai lavori, la seconda di visita aperta al pubblico), sono state (a Cagliari, Sassari e Laconi) occasione di approfondimento sull’importanza della fruibilità degli spazi con dibattiti, forum e laboratori sull’accessibilità, riservati a partner del progetto e stakeholder, ossia associazioni di sostegno a persone con disabilità e imprese di servizi e settori produttivi (turismo, artigianato e commercio), e finalizzati all’elaborazione di proposte per la promozione e lo sviluppo del turismo accessibile in Sardegna. Infatti, grazie al sistema partecipativo bottom up che ha caratterizzato i precedenti appuntamenti, i contributi dei visitatori e addetti ai lavori saranno d’ispirazione per le linee guida che indichino gli standard qualitativi del turismo accessibile nell’Isola, replicabili nell’area interessata dal programma di cooperazione transfrontaliera.

PASSEGGIATE NELLA BELLEZZA. Nella mattina di sabato, è prevista una visita guidata riservata agli stakeholder del progetto ITACA, nel pomeriggio invece l’inaugurazione di una mostra internazionale di arte contemporanea e una performance teatrale. Domenica poi, le visite mattutina e pomeridiane al parco saranno aperte al pubblico e gratuite, intervallate da seminari, laboratori per bambini e spettacoli.

I primi quattro weekend primaverili del programma hanno registrato migliaia di visitatori e coinvolto, a marzo, Milis con il ‘Giardino degli agrumi’ dello stabilimento Pernis-Vacca e la Vega di Palazzo Boyl, ad aprile, l’Orto botanico di Cagliari e al parco di Monserrato di Sassari, e due settimane fa il parco e il giardino Aymerich di Laconi. Ultimi appuntamenti saranno il 9 e 10 giugno al giardino di Giuseppe Garibaldi sull’isola di Caprera e il 23 e 24 giugno al parco di San Leonardo di Siete Fuentes di Santu Lussurgiu, appuntamento finale ‘in casa’ del Comune capofila del progetto, nel quale saranno presentati i risultati ottenuti attraverso il coinvolgimento dei visitatori in merito ad accessibilità e fruibilità dei parchi e del territori.