Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Ambiente, progetto Girepam: due giornate su servizi ecosistemici, capitale naturale e gestione ambiti marini con rete di aree marine protette

Costruire una strategia transfrontaliera condivisa di gestione integrata delle reti ecologiche marino-costiere, ideata e attuata dalle Regioni in rete con Parchi e Aree marine protette è lo scopo di GIREPAM (Gestione Integrata delle Reti Ecologiche attraverso i Parchi e le Aree Marine). Si tratta di un progetto strategico di durata triennale (2017-2019) cofinanziato dal Programma Italia-Francia Marittimo 2014-2020 con i fondi europei del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, per un budget complessivo di quasi 6 milioni di euro.
Cagliari, 2 giugno 2018 - I servizi ecosistemici, il capitale naturale e la gestione efficace degli ambiti marini attraverso la rete delle Aree marine protette sono al centro di un doppio appuntamento organizzato dall’assessorato regionale della Difesa dell’ambiente all’interno del progetto Girepam, di cui la Regione Sardegna è capofila, in programma il 6 giugno a Sassari e l’8 giugno all’Asinara.

SOSTENIBILITÀ. "La reale sfida della sostenibilità è quella di mettere a sistema tutela, fruizione e valorizzazione del nostro prezioso ambiente e il confronto con altre regioni con problematiche simili rappresenta un'occasione importante per definire buone pratiche comuni”, dice l’assessora della Difesa dell’ambiente Donatella Spano, che avrà il compito di chiudere i lavori la mattinata dell’8 giugno. E aggiunge: “Saranno due giornate ricche di contributi e di stimoli perché approfondiremo alcuni argomenti, che per molti sono ancora nuovi, in grado di ampliare il ventaglio degli strumenti utili ai soggetti pubblici durante i processi decisionali nei vari livelli".

PRIMO APPUNTAMENTO. Si terrà nell’aula magna del Dipartimento di Agraria (viale Italia 39) la prima iniziativa, in calendario a Sassari mercoledì 6 giugno, a partire dalle ore 15, e intitolata “Capitale Naturale e Servizi Ecosistemici: strumenti per la definizione di processi decisionali sostenibili”. Paola Zinzula, direttore generale dell’assessorato della difesa dell’ambiente, coordinerà la sessione dedicata alla mappatura e alla valutazione dei Servizi Ecosistemici. Interverranno gli studiosi Catharina Schulp (Vrije Universiteit Amsterdam) ed Erik Gómez-Baggethun (Norwegian University of Life Sciences). Alle 16,30 si aprirà il focus del capitale naturale, con il coordinamento di Marco Vannini, (Dipartimento Scienze Economiche ed Aziendali dell'Università degli Studi di Sassari) e di Paolo Vassallo (Dipartimento di Scienze della terra, dell’ambiente e della vita dell'Università di Genova). Ne parleranno con gli esperti dell’agenzia Forestas (sul programma di recupero delle pinete litoranee) e del Comune di Stintino (sul progetto di tutela, protezione e valorizzazione della spiaggia della Pelosa Comune di Stintino). La parola passerà poi a Eleonora Bianchi e a Diego Martino, della Direzione generale per la protezione della natura e del mare ministero dell’Ambiente, per entrare nel merito del progetto sperimentale di contabilità ambientale per le aree marine protette. Il dibattito con il pubblico e con i partner del progetto Girepam concluderà la giornata.

SECONDO APPUNTAMENTO. "Il progetto Girepam per una gestione efficace dell’ambito marino costiero attraverso la rete delle aree protette” è il titolo della secondo incontro in programma sull’isola dell’Asinara, nella Casa del Parco (La Reale) dalle 10 di venerdì 8 giugno. Aprirà la mattinata Maria Carmela Giarratano, a capo della Direzione generale per la protezione della natura e del mare del ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, intervenendo sull’impatto delle politiche pubbliche sul capitale naturale. Gli esperti della Regione illustreranno i primi risultati del progetto Girepam, dagli strumenti di pianificazione integrati per la gestione delle aree protette ai piani di azione transfrontalieri e alle azioni pilota per la tutela di habitat e specie di interesse comunitario, inclusi gli aspetti dei servizi ecosistemici e del capitale naturale nella pianificazione di strategie di tutela e sviluppo e i cosiddetti ‘green e blue job’. La conclusione dei lavori sarà affidata all’assessora regionale Donatella Spano.

IL PROGETTO. Costruire una strategia transfrontaliera condivisa di gestione integrata delle reti ecologiche marino-costiere, ideata e attuata dalle Regioni in rete con Parchi e Aree marine protette è lo scopo di GIREPAM (Gestione Integrata delle Reti Ecologiche attraverso i Parchi e le Aree Marine). Si tratta di un progetto strategico di durata triennale (2017-2019) cofinanziato dal Programma Italia-Francia Marittimo 2014-2020 con i fondi europei del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, per un budget complessivo di quasi 6 milioni di euro. Partecipano al progetto, che ha quale capofila la Regione Sardegna tramite l’assessorato della Difesa dell’ambiente, 16 partner da cinque regioni italiane e francesi (Sardegna, Corsica, Liguria, PACA, Toscana).


Altre informazioni sul sito del progetto


Programma delle giornate [file.pdf]