Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Elisoccorso, Pigliaru e Arru a Nuoro visitano la sede Areus

"Parliamo di ospedali volanti, con attrezzature presenti nei reparti di rianimazione che permettono al paziente di ricevere cure avanzate durante il trasporto. Pertanto è impossibile fare il raffronto con il pur pregevole servizio precedente assicurato da Vigili del Fuoco. Ciò ci permette di avviare la regionalizzazione della rete delle patologie tempo dipendenti, portando le persone nel posto di massima specializzazione nel tempo più rapido". Così l'assessore Arru.
Cagliari, 2 luglio 2018 - Questa mattina il presidente Francesco Pigliaru e l'assessore della Sanità Luigi Arru, accompagnati dal DG Giorgio Lenzotti e dal sindaco Andrea Soddu hanno visitato, a Nuoro, la sede dell'Areus, il servizio di elisoccorso per l'emergenza-urgenza da ieri operativo per garantire non solo tempi brevi ma anche cura e rianimazione già durante il trasporto. Dopo i primi due interventi di ieri, quest'oggi l'elisoccorso di Olbia ha trasportato un paziente con arresto cardiaco da Bosa all'Unità coronarica di Nuoro in 16 minuti. Da Carloforte un paziente con trauma cranico è stato trasportato all'Ao Brotzu di Cagliari e un paziente con Ictus è stato trasferito da Seui alla Stroke unit di Nuoro, in 20 minuti. Soddisfatto l'assessore Luigi Arru, che commenta: "Parliamo di ospedali volanti, con attrezzature presenti nei reparti di rianimazione che permettono al paziente di ricevere cure avanzate durante il trasporto. Pertanto è impossibile fare il raffronto con il pur pregevole servizio precedente assicurato da Vigili del Fuoco. Ciò ci permette di avviare la regionalizzazione della rete delle patologie tempo dipendenti, portando le persone nel posto di massima specializzazione nel tempo più rapido". In merito alle polemiche sulla piena disponibilità dei mezzi, Arru rassicura: "Dal primo agosto il servizio sarà H24. Anche su Alghero confermiamo i tempi previsti, rispetto alla data del 15 agosto non ci sarà alcun slittamento. Abbiamo infatti già in essere accordi con il Comando militare per cui se l'aeroporto di Alghero non riuscirà a completare i lavori dell'hangar in tempo utile, siamo pronti a spostarci all'aeroporto militare. Assicurare il corretto funzionamento dell'emergenza-urgenza è nostra priorità e stiamo facendo il necessario perché tutto funzioni al meglio".