Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


La Sardegna aderisce all'assemblea delle regioni d'Europa. Pigliaru: nuove opportunità di scambio ed esperienze

"Il nuovo scenario economico impone uno scambio continuo di buone pratiche tra i territori d’Europa, per affrontare e vincere sfide comuni confrontandosi e lavorando insieme", ha sottolineato il presidente Pigliaru.
Pres. Pigliaru-Ass. Mura eurodyssey
Cagliari, 19 luglio 2018 - Anche la Sardegna entra a far parte dell'Assemblea delle Regioni d'Europa (Are), la più grande rete indipendente di regioni in tutta l'Europa, che rappresenta 150 territori, con più di 270 componenti appartenenti a 33 paesi e 16 organizzazioni interregionali. Oggi il presidente della Regione Francesco Pigliaru, l'assessora del Lavoro, Virginia Mura e il direttore generale dell'Aspal, Massimo Temussi, hanno siglato insieme con i due rappresentanti dell’Assemblea, il francese Mathieu Mori e la spagnola Esther Estany Campos, l'adesione della Regione nell'organismo internazionale e la partecipazione a Eurodyssey, un programma di cooperazione interregionale sulla mobilità professionale, attivo dal 1985 e promosso dalla stessa Aer.

PIGLIARU. "Il nuovo scenario economico impone uno scambio continuo di buone pratiche tra i territori d’Europa, per affrontare e vincere sfide comuni confrontandosi e lavorando insieme”, ha sottolineato il presidente Pigliaru. "Vogliamo che i nostri giovani abbiamo il maggior numero di possibilità di fare esperienze all’estero seguendo percorso formativi e professionalizzanti che permettano loro di cogliere poi le migliori opportunità sul mercato del lavoro. Investiamo da tempo e con costanza in questa direzione e l’adesione all’Are è coerente con le nostre politiche, di cui Master&Back e Talent Up, solo per citarne alcune, sono un esempio concreto – ha concluso Francesco Pigliaru -, ciascuno con un proprio target distinto".

MURA. "Con la riorganizzazione dei sevizi per il lavoro nasce l’esigenza di offrire servizi adeguati alle richieste dell’utenza che mutano continuamente in conseguenza della trasformazione e globalizzazione del mercato del lavoro", ha spiegato l'assessora Mura, "il confronto con soggetti che attuano politiche per il lavoro in altri contesti contribuisce alla definizione di modelli efficaci".

TEMUSSI. "Il Programma Eurodyssey consentirebbe di estendere ulteriormente il target di riferimento dei programmi già esistenti in modo da offrire a un numero maggiore di giovani l'opportunità di acquisire conoscenze, professionalità e competenze linguistiche", aggiunge il direttore generale Massimo Temussi

Fondata nel 1985, l'Assemblea delle regioni europee è un forum per la cooperazione interregionale e un gruppo di influenza politica delle regioni nei confronti delle istituzioni europee. L'Are ha svolto un ruolo chiave nella creazione di organi consultivi del Consiglio d'Europa e dell'Unione europea e tra i suoi obiettivi ci sono la promozione degli interessi regionali in Europa, della cooperazione interregionale e dello scambio di esperienze, e lo sviluppo sostenibile delle regioni e delle politiche regionali promuovendone l’innovazione e l’internazionalizzazione.

L'Assemblea Generale dell'Are raccoglie ogni anno più di 600 rappresentanti regionali (un centinaio di presidenti regionali) e collaboratori, oltre agli ospiti delle istituzioni europee, delle Ong e del mondo accademico.

Il programma Eurodyssey, che per la Sardegna sarà gestito dall’Aspal, è un programma di scambio tra le regioni europee, che consente ai giovani in cerca di lavoro tra i 18 ei 30 anni - ma il limite di età può variare in base alla regione di origine - di beneficiare di un tirocinio all'estero per un periodo da tre a sette mesi. Il programma si basa sulla cooperazione interregionale attraverso cui le regioni mirano a costruire partenariati per lo sviluppo economico, sociale e culturale del loro territorio, promuovendo la mobilità professionale dei giovani, l'internazionalizzazione del capitale umano e del tessuto economico delle regioni.