Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Richiedenti asilo, Spanu illustra all'Università di Sassari interventi attuati dalla Regione per favorire l'inclusione. Lunedì l’incontro con la viceministra Del Re

"Con gli atenei di Cagliari e Sassari stiamo lavorando con buoni risultati per favorire l'inserimento dei migranti nel contesto degli studi universitari per acquisire conoscenze specialistiche da utilizzare successivamente, in modo proficuo, nei paesi di origine". Così l’assessore Spanu.
Richiedenti asilo, Spanu all'Università di Sassari
Sassari, 7 settembre 2018. “Con gli atenei di Cagliari e Sassari stiamo lavorando con buoni risultati per favorire l'inserimento dei migranti nel contesto degli studi universitari per acquisire conoscenze specialistiche da utilizzare successivamente, in modo proficuo, nei paesi di origine. La Regione ha da tempo avviato una programmazione strutturata per la gestione del fenomeno migratorio attraverso il Piano per l’accoglienza dei flussi non programmati. Siamo impegnati in diversi ambiti per favorire il processo di inclusione dei richiedenti asilo e dei titolari di protezione internazionale."

Lo ha detto l’assessore degli Affari Generali Filippo Spanu intervenendo all’incontro sul tema “Città, migrazioni e cooperazione internazionale” che si è svolto ieri, a Sassari, nell’Aula Magna dell’Università. In platea, tra gli altri, 20 giovani richiedenti asilo, ospitati nei centri di accoglienza del Nord Sardegna, che riceveranno a breve pass accademici per poter frequentare corsi universitari sulla base di un'iniziativa dell'ateneo sassarese che ha avuto il sostegno della Regione.

“Continuiamo a dare impulso alle azioni finalizzate all’inclusione dei migranti con le attività di volontariato sociale, la pratica sportiva che è un eccezionale strumento di integrazione, le iniziative di sensibilizzazione nelle scuole per diffondere corrette informazioni sul fenomeno migratorio e i progetti che nascono dall'ormai stretto rapporto con le università", ha dichiarato l'assessore.

All'incontro, nato dall'international Summer school "Dwelling in motion" organizzata dal Dipartimento di Architettura, Design e urbanistica dell'ateneo sassarese, hanno preso parte anche il rettore Massimo Carpinelli, Luciano Gutierrez, delegato per l'Internazionalizzazione, la docente Silvia Serreli, che ha realizzato diversi progetti sull'interculturalità, Fakher Kharrat e Mahmoud Abdesselem dell'Università di Carthage, in Tunisia.

Intanto, lunedì 10 settembre, Spanu, incontrerà, a Roma, la viceministra degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale Emanuela Claudia Del Re sul ruolo degli enti territoriali nell’attività di sviluppo locale.

“La Sardegna, con il presidente Pigliaru, svolge un ruolo di coordinamento nella Conferenza delle Regioni in materia di cooperazione internazionale. Vogliamo - ha spiegato l'esponente della Giunta - portare all’attenzione del Governo istanze fondamentali per le regioni italiane. È importante individuare modalità di programmazione che prevedano una preventiva consultazione e un maggiore raccordo con il sistema regionale nella fase di progettazione e realizzazione degli interventi finalizzati a creare migliori condizioni di sviluppo in particolare nei paesi da cui hanno origine i flussi migratori”.