Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Cooperazione territoriale, Spanu incontra a Roma viceministra Affari esteri Del Re. "Rafforzare ruolo delle Regioni nei progetti di partenariato con i Paesi africani"

Spanu, nella riunione con l’esponente del Governo, ha portato le istanze di tutto il sistema regionale. La Sardegna, con il presidente Francesco Pigliaru, svolge infatti un ruolo di coordinamento nella Conferenza delle Regioni in materia di cooperazione internazionale.
Assessorato Affari Generali
Roma, 10 settembre 2018 - “Abbiamo discusso in modo proficuo del valore della cooperazione territoriale e del ruolo fondamentale delle Regioni nelle attività di programmazione e realizzazione degli interventi nei paesi che hanno bisogno di rafforzare il loro processo di sviluppo e, in particolare, in quelli da cui hanno origine i flussi migratori”. Lo ha detto l’assessore degli Affari Generali Filippo Spanu al termine dell’incontro con la viceministra degli Affari Esteri Emanuela Del Re che si è svolto alla Farnesina.

Spanu, nella riunione con l’esponente del Governo, ha portato le istanze di tutto il sistema regionale. La Sardegna, con il presidente Francesco Pigliaru, svolge infatti un ruolo di coordinamento nella Conferenza delle Regioni in materia di cooperazione internazionale.“È importante - ha detto l'assessore - pervenire a modalità di programmazione basate su una preventiva consultazione e un maggior raccordo con il sistema regionale unicamente al fine di rendere più efficaci i progetti di partenariato. Allo stesso tempo occorre riflettere sull’esigenza di individuare meccanismi che favoriscano una maggiore complementarietà e collaborazione tra le Regioni nella convinzione che i territori possano esprimere tutta la loro forza solo mettendo insieme le proprie differenti specificità”.

Nel corso dell’incontro si è discusso anche della proposta di Regolamento sulla cooperazione territoriale europea “la cui impostazione – ha spiegato l’assessore Spanu – potrebbe mettere a rischio la continuità dei programmi con i Paesi del Sud del Mediterraneo e indebolire la capacità della cooperazione di incidere positivamente sulle cause delle migrazioni”.

L’esponente della Giunta ha illustrato alla viceministra Del Re i progetti avviati dalla Regione Sardegna in Tunisia, in Senegal e in Uganda e ribadito la volontà di dare vita ad azioni analoghe in Algeria, specie con la regione di Annaba da cui proviene la maggior parte degli sbarchi che interessano le coste dell’isola.