Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Comunicazione istituzionale, on line il sito "Il nostro bene comune" e strumenti per informare dei servizi offerti dall'Amministrazione regionale

Prende avvio oggi, venerdì 14 dicembre, il Piano di comunicazione istituzionale 2018 - 2019 del Sistema Regione. Concepito con l’obiettivo di mettere in relazione i servizi offerti dalla Regione Sardegna con i principali bisogni delle comunità della Sardegna, il Piano è stato elaborato dal Servizio comunicazione della Direzione generale della Presidenza a seguito della delibera della Giunta che chiedeva azioni di comunicazione da realizzare “in modo coordinato, al fine di ottenere una maggiore efficacia, evitando dispersioni di risorse e concentrando le azioni verso le tematiche ed i programmi di maggior interesse pubblico e più vicini ai reali interessi dei cittadini e della collettività in genere”.
Cagliari, 14 dicembre 2018 - Prende avvio oggi, venerdì 14 dicembre, il Piano di comunicazione istituzionale 2018 - 2019 del Sistema Regione. Concepito con l’obiettivo di mettere in relazione i servizi offerti dalla Regione Sardegna con i principali bisogni delle comunità della Sardegna, il Piano è stato elaborato dal Servizio comunicazione della Direzione generale della Presidenza a seguito della delibera della Giunta che chiedeva azioni di comunicazione da realizzare “in modo coordinato, al fine di ottenere una maggiore efficacia, evitando dispersioni di risorse e concentrando le azioni verso le tematiche ed i programmi di maggior interesse pubblico e più vicini ai reali interessi dei cittadini e della collettività in genere”.

La comunicazione, ispirata a un principio di immedesimazione, parla direttamente a cittadine e cittadini in un’ottica partecipativa e inclusiva, ed è incentrata su scuola, lavoro, salute, inclusione sociale e semplificazione amministrativa. L’obiettivo con cui il Servizio comunicazione ha concepito il Piano è offrire una visione d’insieme, unitaria e integrata di interventi, servizi, programmi e opportunità che l’amministrazione regionale offre alle proprie comunità e, segnatamente, alle famiglie.
Le azioni coordinate del Piano sono quindi finalizzate a informare i cittadini e le cittadine e, in questo modo, favorire l’accesso ai servizi e ai programmi regionali, ad una platea più estesa possibile di persone. Il Piano è articolato in produzioni audio, video e grafiche riconducibili a un unico marchio 'Sardegna il nostro bene comune' che riporta ogni attività a un solo sistema di servizi rivolti al cittadino, all'idea del bene comune come obiettivo dell'azione della pubblica amministrazione e della responsabilità di ogni persona rispetto alla comunità.

Il lavoro di ideazione e realizzazione del Piano e delle azioni di comunicazione istituzionale è stato svolto da un Gruppo di lavoro coordinato dal Servizio comunicazione, composto da personale di diverse strutture dell’amministrazione: Servizio comunicazione, ASPAL e Direzione generale dell’Urbanistica, insieme alla società con la quale l’amministrazione regionale aveva già un contratto in essere per la realizzazione del Piano di comunicazione istituzionale. Questo approccio ha consentito di valorizzare i talenti presenti all'interno dell'amministrazione regionale. Le diverse competenze presenti nel gruppo di tipo grafico, redazionale, creativo, musicale, comunicativo e amministrativo hanno cooperato per arrivare a definire l’idea del Piano, degli strumenti in cui si articola e alla sua realizzazione.

Le azioni di comunicazione sono contenute nel sito tematico www.ilnostrobenecomune.it, corredato dalla pagina FB “Il nostro bene comune”. Per ciascun tema andranno in onda spot video, radiofonici e affissioni. L'opuscolo digitale “La famiglia al centro”, disponibile da martedì 18 dicembre, dà inoltre informazioni su programmi e interventi a favore delle famiglie. Saranno infine attivi i consueti strumenti informativi del Sistema regione, ovvero la Rete degli Uffici relazioni con il pubblico della Regione, gli Sportelli Eurodesk, l’Ufficio mobile URP Camineras e il portale Sardegna ParteciPA.