Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Sanità, assessore Nieddu incontra i rappresentanti dei lavoratori Aias: "Attesa risoluzione. Utenti e lavoratori restano punti fermi"

L’esponente della Giunta Solinas ha incontrato, insieme ai direttori generali della Presidenza e della Sanità, i rappresentanti delle sigle sindacali che oggi hanno manifestato davanti alla sede di viale Trento. Attesa la risoluzione della Commissione di Inchiesta, che, nel corso dell’ultima seduta, ha espresso all’assessore Nieddu approvazione per il lavoro svolto dal tavolo tecnico, riconoscendo il valore della ricostruzione della situazione crediti/debiti fra Ats e Aias.
Assessorato alla Sanità
Cagliari, 7 ottobre 2019 - "Con i rappresentanti dei lavoratori abbiamo avuto un confronto costruttivo. Attendiamo la risoluzione della Commissione di inchiesta e dal Consiglio ci aspettiamo venga dato un forte mandato alla Giunta che possa consentire il superamento dello status quo". Lo dichiara l’assessore della Sanità, Mario Nieddu, al termine dell’incontro avvenuto oggi in Regione a margine della protesta dei lavoratori dell’Aias.

L’esponente della Giunta Solinas ha incontrato, insieme ai direttori generali della Presidenza e della Sanità, i rappresentanti delle sigle sindacali che oggi hanno manifestato davanti alla sede di viale Trento. Attesa la risoluzione della Commissione di Inchiesta, che, nel corso dell’ultima seduta, ha espresso all’assessore Nieddu approvazione per il lavoro svolto dal tavolo tecnico, riconoscendo il valore della ricostruzione della situazione crediti/debiti fra Ats e Aias.

"A oggi - prosegue l’assessore della Sanità - andando a ritroso abbiamo verificato cinque annualità, consentendo, per la prima volta, di gettare una luce su una situazione di incertezza che dura da troppo tempo. Un lavoro che permetterà di approdare a una decisione sul futuro dei servizi".

Sul futuro di Aias il responsabile della Sanità regionale ha infine aggiunto: "Qualunque sia la soluzione a cui approderemo i punti fermi restano quelli che ci hanno guidato in questi mesi di lavoro: la continuità dei servizi erogati a garanzia dei tantissimi utenti dell’Isola e la tutela dei lavoratori, con la salvaguardia dei livelli occupazionali".