Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Forum Eurodyssey, assessore Zedda: Internazionalizzare capitale umano per sviluppo dell'Isola

"La scelta di svolgere a Cagliari questo importante momento di confronto e scambio tra qualificati esperti e rappresentanti delle Istituzioni di tutta l’Europa è un segnale di attenzione per la nostra Isola e sottolinea il ruolo strategico della nostra Regione nei programmi di cooperazione internazionale”, ha osservato l’assessore, che, portando il saluto del presidente della Regione, Christian Solinas, ha riportato l’incoraggiamento e il plauso del capo dell’Esecutivo a favore dell'iniziativa.
Cagliari 24 ottobre 2019 - "È importante che i nostri giovani vadano all’estero per acquisire nuove conoscenze e competenze e che poi ritornino nella nostra Isola con un bagaglio di esperienze valide. Abbiamo bisogno di coloro che hanno capacità imprenditoriali e professionali per evitare che abbandonino definitivamente la Sardegna". Lo ha sottolineato stamattina a Cagliari l’assessore regionale del Lavoro e vicepresidente della Giunta, Alessandra Zedda, aprendo i lavori del Forum sul programma Eurodyssey promosso dall’Assemblea delle Regioni d’Europa (ARE) in collaborazione con l'Aspal, l'Agenzia sarda per le politiche attive del lavoro e l’Assessorato regionale del Lavoro e Formazione professionale.

"La scelta di svolgere a Cagliari questo importante momento di confronto e scambio tra qualificati esperti e rappresentanti delle Istituzioni di tutta l’Europa è un segnale di attenzione per la nostra Isola e sottolinea il ruolo strategico della nostra Regione nei programmi di cooperazione internazionale", ha osservato l'assessore, che, portando il saluto del presidente della Regione, Christian Solinas, ha riportato l’incoraggiamento e il plauso del capo dell'Esecutivo a favore dell'iniziativa.

"Il rafforzamento della Sardegna deve avvenire attraverso tutte le nostre peculiarità, storiche, paesaggistiche e culturali, per poterci relazionare continuamente e offrire un nuovo punto di incontro tra culture anche diverse", ha spiegato l’assessore Zedda.

Il programma Eurodyssey si basa sulla cooperazione interregionale. Attraverso questo strumento, le Regioni si impegnano a costruire partenariati per lo sviluppo economico, sociale e culturale del loro territorio, promuovendo la mobilità professionale dei giovani, l'internazionalizzazione del capitale umano e del tessuto economico delle regioni, nonché favorendo gli scambi culturali.

"Crediamo nella mobilità giovanile e continueremo a farlo. Lo dimostrano i progetti che Aspal sta portando avanti su questo tema, non solo in Europa ma in tutto il mondo", ha puntualizzato il direttore dell'Aspal Massimo Temussi. "Come agenzia stiamo investendo non solo nella ricerca di fondi per nuovi progetti ma anche nell’unione di intenti nel fare rete, come stiamo facendo ora nell’Assemblea delle Regioni, per confrontarci, studiare e per portare avanti progetti che potranno dare ai nostri giovani grandi opportunità per il loro futuro". "Progetti come Eurodyssey - ha concluso Temussi - non rappresentano solo un’opportunità formativa per i giovani ma strumenti validi per limitare il 'mismatch lavorativo', cioè la mancanza corrispondenza tra competenze dei candidati e requisiti richiesti sul mercato del lavoro".