Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Affidamento ferroviario a Trenitalia, la Corte di Giustizia dà ragione alla Sardegna

Ritenendo che non fosse necessario indire una gara, la Regione Sardegna, a seguito di una negoziazione con Trenitalia, nel 2017 le aveva affidato direttamente il servizio di trasporto pubblico ferroviario regionale di passeggeri per il periodo compreso tra il 1° novembre 2017 e il 31 dicembre 2025.
trasporti treni
Cagliari, 25 ottobre 2019 - La Corte di Giustizia Europea ha dato ragione alla Regione Sardegna sull’affidamento diretto del servizio di trasporto ferroviario a Trenitalia, impugnato dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, AGCM, davanti al Tar.

Ritenendo che non fosse necessario indire una gara, la Regione Sardegna, a seguito di una negoziazione con Trenitalia, nel 2017 le aveva affidato direttamente il servizio di trasporto pubblico ferroviario regionale di passeggeri per il periodo compreso tra il 1° novembre 2017 e il 31 dicembre 2025.

L’AGCM, dietro segnalazione su presunti vizi che avrebbero inficiato il procedimento di aggiudicazione diretta, aveva però fatto ricorso al Tar sostenendo come fossero venuti meno criteri di trasparenza e parità di trattamento. Secondo l’Autorità, la Regione avrebbe dovuto mettere a disposizione degli8 operatori economici potenzialmente interessati tutte le informazioni necessarie per la formulazione di un’offerta commerciale e avrebbe dovuto effettuare una valutazione comparativa delle offerte motivando la scelta dell’operatore economico aggiudicatario dell’appalto.

La Corte, dando ragione alla Regione Sardegna ha sentenziato come “Le autorità nazionali competenti che intendano procedere all’aggiudicazione diretta di un contratto di servizio pubblico di trasporto di passeggeri per ferrovia non sono tenute, da un lato, a pubblicare o comunicare agli operatori economici potenzialmente interessati tutte le informazioni necessarie affinché essi siano in grado di predisporre un’offerta sufficientemente dettagliata e idonea a costituire oggetto di una valutazione comparativa e, dall’altro, ad effettuare una siffatta valutazione comparativa”.