Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Editoria: la Sardegna al Salone del libro di Torino e alla Frankfurter Buchmesse. Il Presidente Solinas: "L'isola protagonista nel panorama culturale internazionale"

“La presenza della Sardegna in questi importanti eventi espositivi, sostiene il Presidente Solinas, e’ un segnale importante della vicinanza della Regione al mondo culturale ed editoriale, che esprime le grandi ricchezze della nostra isola”.
Presidente Solinas
Cagliari, 7 febbraio 2020 – "La Sardegna conferma la sua presenza autorevole nelle principali vetrine della produzione editoriale libraria internazionale”. Il Presidente della Regione Christian Solinas commenta con soddisfazione l’approvazione, in Giunta, della delibera che autorizza e sostiene la promozione dell’editoria sarda con la partecipazione della Regione Sardegna al Salone Internazionale del Libro di Torino (14-18 maggio 2020) e alla Buchmesse di Francoforte (14-18 ottobre 2020), oltre alla promozione dell’editoria sarda in territorio regionale con mostre e interventi per la promozione delle opere edite nell’Isola.

“La presenza della Sardegna in questi importanti eventi espositivi, sostiene il Presidente Solinas, e’ un segnale importante della vicinanza della Regione al mondo culturale ed editoriale, che esprime le grandi ricchezze della nostra isola”.

Plauso anche da parte dell’Assessore della Pubblica Istruzione e Beni Culturali Andrea Biancareddu, che ha sottolineato l’importanza di promuovere l’editoria sarda con interventi di sostegno e promozione dell’editoria locale anche grazie alla partecipazione annuale sia alle più importanti Fiere e mostre editoriali di rilevanza nazionale e internazionale e nel territorio regionale. Il Salone di Torino 2020 si conferma non solo una vetrina di eventi, ma una fondamentale occasione di riflessione sui temi dell’Agenda 2030 promossa dalle Nazioni Unite, impegnando tutti gli attori partecipanti, Scuole ed Editori in primo piano, a proporre i libri che favoriscano la riflessione sui 17 obbiettivi al centro dell’Agenda.

“ È importante - ha sottolineato ancora l’Assessore Biancareddu - , promuovere la produzione libraria sarda in un contesto di questo tipo al fine di migliorare la vita sociale, culturale, produttiva e ambientale dei territori, nel rispetto delle specificità, nell’ottica dell’integrazione e dell’attenzione per l’eredità che si lascia alle generazioni future”.

“In particolare- secondo Biancareddu - la partecipazione della Regione Sardegna, in sinergia con gli operatori della filiera del libro, della cultura e della creatività locale, consente di promuovere un’immagine dell’Isola ricca e articolata nella varietà delle sue declinazioni e linguaggi espressivi. Gli eventi e le manifestazioni di rilevanza Internazionale rappresentano una grande occasione e una strategia di comunicazione più articolata, rivolta a promuovere il libro sardo e attraverso di esso, il territorio, il paesaggio e le valenze culturali e ambientali con i prodotti dell’Isola”.

La programmazione degli eventi e delle attività culturali che animeranno lo stand istituzionale della Regione saranno realizzati in collaborazione con associazioni di categoria della filiera del libro sardo e con operatori del mondo culturale. Al fine di ampliare le opportunità di promozione all’estero e di internazionalizzazione dell’editoria sarda è stata prevista la partecipazione della Regione e delle aziende editrici sarde interessate alla “Frankfurter Buchmesse”, che si svolgerà a Francoforte dal 14 al 18 ottobre prossimi. A livello regionale, si inserisce l’ormai consolidata “Mostra del Libro edito in Sardegna”, realizzata in costante e attiva collaborazione con il Comune di Macomer, sede “storica” della mostra, la quale rappresentala più importante e rappresentativa manifestazione regionale di promozione editoriale. L’esponente della Giunta Solinas, ha proposto inoltre che le fiere editoriali in ambito regionale non siano programmate in sovrapposizione tra loro né in concomitanza delle date di svolgimento delle fiere nazionali e internazionali, al fine di garantire una più agevole partecipazione delle stesse aziende editrici.