Prova la versione BETA del sito e invia la tua opinione
Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Cooperazione Mediterranea, progetto LIVINGAGRO: Forestas capofila in Italia. Cooperazione chiave per sviluppo potenzialità dei territori

È in sintesi il fulcro di LIVINGAGRO, progetto promosso nell’ambito del programma ENI CBC Med 2014-2020 e che vede l’ente regionale Fo.Re.S.T.A.S. capofila per la Sardegna.
Marganai
Cagliari, 19 dicembre 2020 - Favorire l’innovazione e l’incontro con gli investitori nel settore agroforestale, attraverso il dialogo con la ricerca e la creazione di una piattaforma telematica che sia sede virtuale di due laboratori e luogo di incontro privilegiato per i soggetti portatori di interesse. È in sintesi il fulcro di LIVINGAGRO, progetto promosso nell’ambito del programma ENI CBC Med 2014-2020 e che vede l’ente regionale Fo.Re.S.T.A.S. capofila per la Sardegna. Oltre all’Italia, Giordania, Libano e Grecia sono gli altri paesi del bacino mediterraneo coinvolti. Il progetto ha avuto inizio a settembre 2019, avrà una durata di 36 mesi e beneficia di un finanziamento complessivo di 3 milioni e 300 mila euro (di cui 2,9 milioni finanziati dall’unione europea e il restante 10% cofinanziato dai governi nazionali) destinati alle aziende del mondo agricolo e forestale, e agli enti di comunicazione e ricerca coinvolti, che si impegneranno a creare sistemi innovativi attraverso due living laboratories transfrontalieri volti a promuovere l’educazione, la ricerca, lo sviluppo e il trasferimento tecnologico nel settore agro-forestale rafforzando la cooperazione tra enti di ricerca, piccole e medie imprese, agricoltori e soggetti portatori di interesse.

“Siamo molto soddisfatti – commenta l’Assessore regionale dell’Ambiente, Gianni Lampis – di un progetto che vede la Sardegna protagonista insieme ad altri paesi del Mediterraneo: la cooperazione è uno strumento importantissimo per il dialogo e lo scambio di idee e competenze tra i popoli e i territori. In particolare, con il progetto LIVINGAGRO – precisa l’assessore – che vede protagonista l’Agenzia Forestale Regionale per lo Sviluppo del Territorio e dell'Ambiente della Sardegna quale ente capofila, puntiamo a sostenere la crescita e lo sviluppo dei settori forestale e agropastorale, affinché trovino nell’incontro con i paesi partner e con gli investitori economici la chiave per l’innovazione tecnologica e la sviluppo delle proprie potenzialità”.

I due laboratori viventi sono dedicati a sistemi di olivicoltura multi-funzionale (olive multifunctional systems e ai pascoli arborati, (grazed woodlands), con l’obiettivo di dotare i soggetti agricoli della fascia mediterranea di nuove tecnologie per colture più stabili, capaci di far fronte a limitatezza di risorse, eventi atmosferici imprevisti e gap tecnologici. Attraverso la condivisione di buone pratiche finalizzate alla sostenibilità e alla protezione della biodiversità, il progetto vuole favorire il trasferimento di conoscenza e tecnologie innovative sui sistemi agro-forestali del Mediterraneo rafforzando la cooperazione tra i territori e gli enti coinvolti. Previsti anche la stipula di accordi di ricerca tra università e centri di ricerca in collaborazione con gli operatori economici dei Paesi partner, e l’organizzazione di visite sul campo da parte degli enti di ricerca per valutare nonché rilevare le esigenze di innovazione da parte delle aziende. Trovano ancora spazio la cooperazione tra imprese/enti di ricerca per lo sviluppo di attività e servizi innovativi, la formazione sulle startup innovative e l’analisi e lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi per il settore agro-forestale, così come l’attivazione di servizi di trasferimento tecnologico e intermediazione di proprietà intellettuale rivolti ad aziende, università, enti di ricerca e al grande pubblic