Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


L'Arst diventa una Spa, l'ultima parola al Consiglio regionale

L'Azienda regionale sarda trasporti diventerà una società per azioni. La delibera della Giunta sarà valutata dalla Commissione Trasporti del Consiglio regionale. L'Arst è stata fondata nel 1970 e conta 890 dipendenti e 455 autobus che percorrono oltre 24 milioni di chilometri l'anno. Avrà un capitale iniziale di 2 milioni 329mila 286 euro. Il successivo passaggio sarà la fusione con le Ferrovie della Sardegna e le Ferrovie meridionali sarde.
Stazione ARST
CAGLIARI, 2 AGOSTO 2007 - L'Arst si avvia a diventare una società per azioni: la Giunta ha dato il via libera ieri pomeriggio alla trasformazione dell'azienda di trasporto regionale nata nel 1970. L'ultima parola spetta alla Commissione Trasporti del Consiglio regionale, che dovrà esprimere il proprio parere sul provvedimento dell'Esecutivo. Il capitale iniziale della nuova Arst Spa sarà di 2.329.286 euro.

"Si tratta di un passaggio decisivo verso la riforma del Trasporto pubblico locale prevista dalla legge n. 21 entrata in vigore nel gennaio 2006. Era uno degli obiettivi del nostro programma di governo - ha ricordato l'Assessore dei Trasporti, Sandro Broccia -, fin dal primo giorno di commissariamento dell'azienda. Lo stanziamento di 15 milioni di euro nella Finanziaria 2007 ha consentito di coprire le perdite accumulate negli esercizi precedenti". Da molti anni infatti l'Arst attraversava una profonda crisi finanziaria e organizzativa: un quadro critico a cui ha contribuito anche la vicenda Fideuram.

L'Azienda regionale sarda trasporti, operativa su 163 linee, ha un organico di 912 dipendenti (di cui 655 conducenti). Nel 2006 i 455 autobus in servizio (età media 12,91 anni) hanno percorso in totale 23.580.255 chilometri, distribuiti nelle otto province dell'isola, accogliendo a bordo 11.520.010 passeggeri.
Il parco rotabile sarà quasi completamente rinnovato con l'acquisto, entro i prossimi tre anni, di 330 pullman (i primi 109 sono in consegna), dotati di motori meno inquinanti e di attrezzature in grado di garantire una piena accessibilità alle persone con disabilità. I pullman già consegnati saranno operativi in coincidenza con l'inizio dell'anno scolastico 2007-2008.

L'obiettivo finale è la creazione di un'azienda unica del trasporto pubblico locale su ferro e su gomma, attraverso la fusione di Asrt con Ferrovie della Sardegna e Ferrovie Meridionali Sarde, concesse governative in fase di regionalizzazione.