Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Risorse idriche

  • Diga Monti Nieddu, al via bando completamento lavori da 56,6 milioni

    "Si tratta di un intervento strategico importantissimo - ha detto l’assessore dei Lavori pubblici, Angela Nonnis, stamane in conferenza stampa - sia per colmare il fabbisogno idrico potabile e irriguo del territorio sia per la messa in sicurezza dei centri di Villa San Pietro, Pula e Sarroch".
  • Pubblicato bando lavori per messa in sicurezza territorio Capoterra

    Il bando per la progettazione definitiva ed esecutiva e per la sistemazione idraulica del Rio San Girolamo - Masone Ollastu, compresi gli interventi di ricostruzione delle opere pubbliche danneggiate, primo lotto, è finanziato con 11,317 milioni di euro. L’importo complessivo a base d’asta è di 7,502 milioni. La scadenza per la presentazione delle offerte alla Regione è fissata per il 16 dicembre 2011 alle ore 13.
  • Cedimento ponte Poggio dei Pini, iniziata procedura verifica uffici regionali

    All’incontro, coordinato dal responsabile del procedimento, Rodolfo Contù, hanno preso parte l’impresa appaltatrice, il direttore dei lavori, il progettista e il collaudatore. Acquisite le diverse posizioni è stato deciso un riaggiornamento della riunione e lo svolgimento di necessarie verifiche sul posto.
  • Alluvione Capoterra, approvati progetti al via bando primo lotto lavori

    Il provvedimento siglato oggi in conferenza stampa a Cagliari alla presenza dall’assessore dei Lavori pubblici, Angela Nonnis, e del sindaco di Capoterra, Francesco Dessì, avvia il bando pubblico per la progettazione definitiva ed esecutiva e per la realizzazione dell’intervento di sistemazione idraulica del Rio San Girolamo - Masone Ollastu e di ricostruzione delle opere pubbliche danneggiate dopo l’alluvione del 2008.
  • Piano fasce fluviali, fissato calendario incontri nel territorio

    "La nostra volontà è quella di prendere in considerazione tutte le indicazioni che ci forniranno gli enti territoriali naturalmente sulla base di argomentazioni e studi tecnicamente corretti", ha detto Sannitu. Il Piano resta un obbligo di legge nel rispetto della Direttiva 2007/60/CE del Parlamento europeo e del Consiglio europeo del 23/10/2007, relative alla valutazione ed alla gestione dei rischi di alluvioni. Norme poi recepite dal Decreto legislativo 23/02/2010 numero 49.
111-120 di 218