Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Edilizia

  • Finanziamenti ai comuni per la messa in sicurezza degli edifici di culto

    I finanziamenti sono riservati alla messa in sicurezza degli edifici di culto le cui precarie condizioni impediscano in tutto o in parte l'esercizio del culto, mettano in pericolo l'incolumità delle persone o comportino la rovina del bene. L'importo massimo del finanziamento concedibile è di 150mila euro. Le richieste di finanziamento dovranno pervenire entro il 21 agosto 2014
  • Giunta, Lavori pubblici: 870mila euro per edilizia demaniale

    "Si tratta di interventi molto urgenti senza i quali l’operatività del Centro di Abbasanta rischia di essere seriamente pregiudicata - ha detto Nonnis - la Regione, in assenza di ulteriori finanziamenti del Governo, continua a farsi carico delle esigenze più impellenti riguardo all’edilizia demaniale manifestate e documentate dalle amministrazioni statali".
  • Regione - Housing sociale, scheda

    Accanto agli interventi tradizionali di edilizia residenziale, le odierne politiche abitative di Housing Sociale promuovono la realizzazione di programmi integrati di intervento caratterizzati da un elevato grado di mix sociale, dall'apporto di capitali privati, dall’elevata qualità ambientale, dalla valorizzazione di patrimoni edilizi pubblici/privati, anche evitando fenomeni di ulteriore consumo del suolo.
  • Sanità, sicurezza nei cantieri: Regione avvia sperimentazione per notifica on line

    L'assessorato regionale della Sanità ha siglato una convenzione con la Direzione regionale del ministero del Lavoro per la realizzazione del portale che consentirà di effettuare le notifiche preliminari cantieri tramite un accesso all'area operatori del portale istituzionale SardegnaSalute (il link è in fase di attivazione).
  • Dl Giunta regionale per eliminare abitabilità seminterrati

    Il testo ribadisce che è vietato altresì il recupero ai fini abitativi dei piani pilotis e dei locali al piano terra nelle aree dichiarate, ai sensi del vigente piano stralcio per l’assetto idrogeologico, di pericolosità elevata o molto elevata ovvero in aree di pericolosità di frana elevata o molto elevata e nelle altre aree che i Comuni possono identificare mediante specifica deliberazione.
41-50 di 199