Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Edilizia

  • Presentata Carta servizi Area rivolta a 28mila assegnatari

    "La Carta dei servizi di Area contribuisce a rendere le istituzioni più accessibili migliorando i rapporti tra i cittadini e gli uffici pubblici - ha detto l'assessore Nonnis - questi processi devono attivarsi non esclusivamente perché lo impongono le norme, ma anche e soprattutto perché è opportuno e doveroso costruire occasioni di ascolto e di dialogo tre le strutture amministrative e l’utenza".
  • Housing sociale, convegno nazionale con società e investitori

    Scopo principale dell'iniziativa è quello di presentare il bando pubblico europeo della Regione per la selezione di una Sgr, società di gestione del risparmio, che dovrà istituire e gestire un fondo immobiliare minimo di 30 milioni di euro per la realizzazione di progetti di housing sociale.
  • Housing sociale, giovedì convegno nazionale a Cagliari

    Si tratta di una giornata di approfondimento sul tema dell'housing sociale, una delle nuove frontiere delle politiche abitative della Regione Sardegna, riservata soprattutto a potenziali investitori e aspiranti concorrenti al bando pubblico europeo del 30 luglio scorso.
  • Fondi per gli interventi a sostegno delle parrocchie

    Impegnata la somma di 3.044.456,83 euro in favore delle parrocchie, degli enti della Chiesa cattolica e delle altre confessioni religiose beneficiarie dei finanziamenti per gli interventi finalizzati al riadattamento, alla riqualificazione e all’acquisto di arredamenti, di attrezzature e di strumenti didattici.
  • Asili: 2 milioni di euro per le strutture e gli arredi

    I Comuni, singoli o associati, sono i destinatari del bando da 2 milioni di euro da destinare alla ristrutturazione, al completamento, alla nuova costruzione e all’arredo delle strutture per la prima infanzia. Le domande di finanziamento entro il 10 ottobre 2012. Gli interventi proposti potranno essere finanziati fino all’80% dell’importo massimo ammissibile.
  • Lavori pubblici: contributi per le certificazioni di qualità

    Il contributo riconoscibile è pari al 50% dell’importo complessivo delle spese sostenute per acquisire o mantenere la certificazione europea UNI EN ISO 9000. Una premialità di mille euro è riconosciuta alle domande presentate da imprese femminili e giovanili per un contributo massimo erogabile pari a 4mila euro.
61-70 di 201