Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Lingua e cultura sarda

  • Contributi radio. Dalla Giunta 400mila euro per notiziari in lingua sarda

    Il sostegno regionale alle radio private e locali servirà per mandare in onda notiziari in lingua sarda e trasmissioni di approfondimento, con il doppio obiettivo di diffondere attraverso notiziari e programmi informativi l'uso della lingua, e sostenere la crescita strutturale e professionale nel settore della radiodiffusione.
  • Bando lingua sarda. 750 mila euro per i progetti nelle scuole

    "Per riappropriarci della nostra identità è necessario partire dalla scuola, che confermiamo essere centrale nella nostra politica linguistica - ha detto l’assessore della Pubblica Istruzione Firino - concentrandoci sull’insegnamento nelle scuole di ogni ordine e grado".
  • Conferenza "Sa Corte de Is Artis". Firino: "Valorizzare la lingua attraverso norme, scuola e media”

    "La Regione ha investito principalmente sulla scuola e sulla tutela della tradizione orale per difendere e valorizzare la lingua - ha detto Firino - l’anno scorso abbiamo stanziato 900 mila euro per i progetti scolastici e adesso lavoriamo alla ricognizione del materiale didattico esistente per garantire migliorie alla realizzazione del materiale futuro. Procederemo inoltre alla valutazione dei progetti realizzati".
  • Salone del libro. A giugno bando della Regione per internazionalizzazione opere autori sardi

    "Il programma è stato realizzato - ha detto l'assessore - grazie all'operatività di tutti i soggetti coinvolti. Parlare oggi di Gramsci, Deledda e altri grandi scrittori e intellettuali sardi ha senso solo se non si ricorre a celebrazioni statiche e vuote di significato, ma si mettono in campo progetti che coinvolgono scuole e studenti, dunque le giovani generazioni, chiamate a conservare l'eredità di importanti pensatori e tramandare le idee, facendole proprie, con uno sguardo rivolto alla Sardegna di domani".
  • Addio a Pinuccio Sciola, Pigliaru: le sue opere mantengono vivo il ricordo

    "Le sue pietre sonore, simbolo di una potente creatività, sono conosciute e apprezzate in tutto il mondo ed esprimono il suo rapporto, stretto e indissolubile, con la Sardegna. Pinuccio Sciola ha saputo raccontare, attraverso un’arte originale, il legame vivo con la terra d'origine". Così ha detto il presodente Pigliaru
  • Sa die de sa Sardigna. L'assessore Firino presenta il programma: "Isola terra di migrantes"

    Istorias de migrantes e istorias de migratziones. E’ questo il tema e il filo conduttore del programma previsto dalla giunta regionale per la celebrazione della giornata del 28 aprile. Sa die de sa Sardigna 2016 è stata presentata questa mattina dall’assessore della Cultura Claudia Firino, con una conferenza stampa nella sede dell’assessorato in viale Trieste.
  • Sa die de sa Sardinia. La Giunta sceglie il tema per il 28 aprile: Isola terra di migranti

    "Il filo rosso che lega le iniziative alle quali stiamo lavorando per “Sa die 2016” è il tema della emigrazione - immigrazione. Sardi diventati cittadini del mondo che portano con sé la propria identità, che non hanno rinunciato alle loro radici culturali, e le intrecciano a tradizioni altre – ha detto la titolare della Cultura – in terre dove posano la loro valigia e spesso mettono radici e crescono i loro figli. In un momento storico di grandi flussi migratori verso la Sardegna, penso inoltre alle popolazioni che scelgono la nostra isola come approdo, terra nella quale vivere, facendone nuova casa d’adozione, nella quale potersi integrare al meglio”.
21-30 di 263