Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Sistemi informativi

  • Agenda digitale nei territori, incontro a Nuoro

    L'incontro si svolge nell'Auditorium della Camera di Commercio, a partire dalle 9:30. Gli assessori agli Affari generali e alla Sanità, Gianmario Demuro e Luigi Arru, illustrano i contenuti della trasformazione digitale della Sardegna con particolare riferimento all'ambito sanitario e alle politiche sociali.
  • Agenda Digitale nei territori, gli assessori Demuro e Morandi a Olbia

    "Si tratta di un grande investimento sulle infrastrutture immateriali. Vogliamo portare i benefici della banda larga anche nelle aree più svantaggiate. Una connessione più veloce a internet accresce le potenzialità della rete e assicura, a cittadini e imprese, maggiori strumenti di conoscenza e servizi più efficaci". Così ha detto l'assessore Demuro.
  • Agenda digitale: domani a Oristano le nuove opportunità per le imprese

    Nel confronto, moderato da Alex Giordano, interverranno imprenditori, rappresentanti del mondo delle professioni e dirigenti della Regione. Il pubblico potrà intervenire con tweet che verranno proiettati su uno schermo e commentati. Sarà inoltre disponibile l’hashtag #agendadigitalesardegna.
  • E-Democracy, attiva sezione su formazione professionale e apprendistato sulla piattaforma "Sardegna ParteciPA"

    A inaugurare il nuovo metodo sarà la consultazione sull’Avviso IeFP (Istruzione e Formazione Professionale) finanziato con 4 milioni di euro e in corso di pubblicazione da parte dell’assessorato regionale del Lavoro: Agenzie formative, operatori, cittadini e stakeholder già dalle prossime ore potranno partecipare alla fase di ascolto che porterà alla messa a punto della misura. Ma entro la metà di novembre saranno avviate le procedure su altri avvisi, con una dotazione finanziaria complessiva di oltre 20 milioni di euro.
  • Innovazione e Start up, Pigliaru "La Regione pronta a fare la sua parte per attirare investitori"

    "Abbiamo il 2,9% delle start up - ha detto Pigliaru - vuol dire che siamo bravi, ma non abbastanza. Dobbiamo crescere ancora e ognuno deve fare la sua parte. Per fare nuove imprese innovative ci vogliono soldi: abbiamo giovani brillanti, che devono essere formati e preparati dall'Università, ma che poi non hanno un sistema bancario che li sostiene. Occorrono capitali, investitori che puntino su questi ragazzi. E allora anche la Regione vuole fare la sua parte: per ogni milione messo da un venture capital noi raddoppiamo".
  • Hackerdomo: premiati progetti innovativi

    Rivolta a studenti e aperta anche ai maggiorenni, l'hackathon ha coinvolto per tutta la giornata giovani e giovanissimi, alle prese con i principali linguaggi di programmazione. Il compito affidato loro era quello di programmare sistemi informatici per rendere più facile e divertente l’apprendimento.
61-70 di 202