Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Piano sanitario regionale

  • Sanità: confronto tra Arru e Cgil, Cisl, Uil

    Organizzazioni sindacali e Assessorato hanno convenuto sull'importanza della condivisione del percorso di riforma del sistema sanitario e ipotizzato incontri anche sul territorio regionale e focus tematici sui passaggi della riforma.
  • Enti locali e Sanità, Erriu: due riforme che modificano l'assetto istituzionale

    "Il primo principio - ha aggiunto Erriu - è quello della semplificazione, cioè la riduzione dei livelli intermedi tra la Regione e i Comuni. La legge n. 2/2016 ci consente di costruire il nuovo sistema istituzionale sardo attraverso due livelli, la Regione e i Comuni. Tutti gli altri saranno enti elettivi di secondo livello."
  • Sanità, approvata in via definitiva la riforma della rete ospedaliera

    La riforma è parte fondamentale del Piano Sanitario regionale, è stata inserita tra le azioni del Piano di rientro ed è uno dei tre tasselli cardine della riqualificazione del sistema sanitario regionale – insieme alla nuova rete delle cure territoriali (quindi la riorganizzazione dei servizi di cura assistenza socio-sanitaria sul territorio) e all’Areus, l’azienda regionale dell’emergenza/urgenza - voluta dalla Giunta Pigliaru e che permetterà un risparmio di 134 milioni in tre anni e il trasferimento di 250 milioni da parte dello Stato per l’ edilizia ospedaliera.
  • Sanità, nasce il registro tumori della Sardegna

    L’istituzione del Registro è preliminare, la delibera verrà ora trasmessa in via formale al Garante per la protezione dei dati personali per l’acquisizione del parere di legge. Una volta ottenuto il parere favorevole, il Regolamento dovrà essere sottoposto all'approvazione del Consiglio Regionale.
  • Sanità, precisi obiettivi di mandato per i commissari, nel rispetto del piano di rientro

    Lo prevede la delibera di proroga dei commissari, approvata su proposta dell’assessore della Sanità, Luigi Arru, che aggiunge obiettivi di mandato a quelli precedentemente previsti dalla Regione. Gli atti adottati dai commissari straordinari, con impatto sui costi di gestione, dovranno riportare l’attestazione di conformità rispetto ai contenuti e agli obiettivi di contenimento della spesa sanitaria e di rientro dal disavanzo.
  • Risanamento sanità, Paci: Irpef e Irap scelta sofferta ma necessaria, sacrificio a tempo solo per i più abbienti

    "Stiamo chiedendo un sacrificio ai cittadini più abbienti e tutelando le fasce più deboli. Ma è un sacrificio a tempo, una tassa di scopo finalizzata solo ed esclusivamente a risanare le casse della Sanità alla quale dobbiamo destinare 350 milioni in più rispetto all'anno scorso per risanare il grande disavanzo generato dalla gestione della precedente legislatura e dovrà provvedere anche a nuovi extra Lea e farmaci innovativi. Per questo credo sia necessario aprire in tempi brevi una nuova vertenza con lo Stato per il riconoscimento delle nostre nuove funzioni chiedendo la riduzione proporzionale degli accantonamenti".
  • Sanità, presentata la nuova rete territoriale. Arru: l'assistenza cambia e si integra

    "Partendo dall’analisi che ha portato alla riforma della rete ospedaliera - spiega l’assessore regionale della Sanità, Luigi Arru - la rete territoriale vuole dare risposta ai alla pazienti cronici, quelli che ora, troppo spesso, vengono inappropriatamente ricoverati. Il nostro principale obiettivo strategico è mantenere le persone in condizione di benessere quanto più possibile, senza sprechi, con efficienza e con percorsi di cura e assistenza il più vicino possibile a dove le persone vivono e in maniera coordinata, non frammentaria. Con questo modello, l’assistenza territoriale viene garantita per tutto l’arco della giornata e per tutti i giorni della settimana, con percorsi assistenziali condivisi, il dialogo e la collaborazione tra gli operatori della medicina convenzionata e i colleghi dei servizi distrettuali e ospedalieri.
  • Sanità, lunedì a Ghilarza si parla di Plus con assessori Erriu e Arru

    Interverrà l'assessore regionale degli Enti Locali, Cristiano Erriu, che illustrerà la riforma delle autonomie locali e le ripercussioni sulla riorganizzazione dei servizi sul territorio. Chiuderà i lavori l'assessore regionale della Sanità, Luigi Arru, che parlerà della futura programmazione socio-sanitaria della Regione.
41-50 di 207