Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Igiene pubblica e veterinaria

  • Peste suina africana, ispettori Ue: cauto ottimismo su risultati raggiunti dalla Sardegna. Udp: liberiamo l'isola dalla Psa

    Otto giorni di intensi lavori che hanno visto il team di esperti Ue, supportati dai colleghi del ministero della Salute, del Centro di referenza nazionale Pesti suine, dal personale degli Uffici veterinari per gli adempimenti comunitari (UVAC) e dai Nuclei antisofisticazioni e sanità (Nas) dell'arma dei Carabinieri, visitare macelli, punti di allevamento e di trasformazione in diversi territori dell'Isola.
  • Peste suina africana, sbarca in Sardegna team di ispettori dell’Unione europea

    Il gruppo di lavoro è giunto in Sardegna per valutare lo stato di applicazione delle nuove norme in materia di PSA, elaborate da Regione e ministero della Salute, e i risultati portati a casa in questi ultimi mesi. Il team di esperti rimarrà sull’Isola fino al prossimo 18 ottobre e si sposterà in diversi territori visitando allevamenti, macelli, imprese di trasformazione e incontrando le rappresentanze delle organizzazioni di categoria agricola locali.
  • Randagismo, 400 mila ripartiti tra le Asl dalla Giunta

    L’esecutivo ha tenuto conto della rendicontazione delle attività svolte dalle Aziende nel 2015 e previsto di rafforzare particolarmente gli interventi di identificazione e cattura dei cani vaganti; l’ implementazione dell’anagrafe canina regionale; la sterilizzazione delle cagne catturate e delle gatte delle colonie feline; il pronto soccorso e gli interventi chirurgici su animali incidentati; la vigilanza nei canili.
  • Peste suina africana, azioni di contrasto a Illorai e Pattada

    All’attività di contrasto, oltre al personale del servizio veterinario, hanno partecipato, come sempre, gli uomini del Corpo forestale e di Vigilanza ambientale e quelli dell’Agenzia Forestas che, unitamente, nell’ambito del Piano regionale di contrasto alla Peste suina africana, garantiscono il monitoraggio e la vigilanza sul territorio regionale.
  • Peste suina africana, Unità di progetto fa chiarezza sui propri compiti

    La legge in materia di sanità animale, infatti, è chiarissima e non ammette eccezioni: è il sindaco l'autorità sanitaria chiamata a intervenire in caso di focolaio di Psa. Nessuno può farlo al suo posto senza commettere un abuso. La legge regionale 34, voluta dalla Giunta Pigliaru e approvata da maggioranza e opposizione in Consiglio regionale, ha risolto alla radice il problema degli abbattimenti dei suini allevati illegalmente da parte di soggetti ignoti. Così ha detto De Martini.
  • Peste suina africana, ridotte le sanzioni per regolarizzare allevamenti illegali

    “Adesso non ci sono più alibi: coloro che intendono operare nella legalità avranno tutti i vantaggi, soprattutto di carattere finanziario, messi a disposizione dalle istituzioni. Chi invece deciderà di continuare a operare in spregio alle regole e al rispetto della tutela della salute dei consumatori, lo farà per propria scelta e rifiuterà una occasione storica, assumendosene tutta la responsabilità".
  • Peste suina africana, Pigliaru incontra Unità di progetto. Definite le estensioni degli allevamenti in semibrado

    All'incontro hanno partecipato il professore dell’Università di Madrid, José Manuel Sànchez-Vizcaino, che collabora con la Regione Sardegna nella lotta contro il virus, e il direttore generale del ministero dell’Agricoltura della regione spagnola dell’Estremadura, Antonio Cabezas Garcia. Proprio dall’esperienza iberica, dove l’epidemia è stata debellata nel giro di pochi anni (1990-95), l’Unità di progetto ha già preso e sta continuando a prendere spunto per alcuni interventi e misure da adattare alla Sardegna.
51-60 di 362