Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Politiche agricole

Campi

I piani e le strategie della Regione in materia di programmazione dello sviluppo agricolo: la valorizzazione delle produzioni regionali e il riconoscimento dei marchi di qualità.

  • Agrifood, da Giunta 200 mila euro per favorire partecipazione imprese sarde a fiere e concorsi nazionali e internazionali

    "Per la Regione è sempre più difficile partecipare alle fiere del food, che sono ormai molteplici" dice l’esponente della Giunta. "Con questi aiuti intendiamo invece replicare quanto fatto l’anno scorso per Expo, ovvero pubblicare bandi finalizzati a dare sostegno alle aziende sarde che vogliono partecipare ai grandi eventi agroalimentari e farsi una promozione più mirata, anche mediante la realizzazione di pubblicazioni e siti web dedicati".
  • Pagamenti agricoli, da Agea 8,5 milioni di euro per indennità compensative

    "Pur nella consapevolezza delle difficoltà connesse all'avvio della nuova programmazione e, in particolare, al ritardo maturato da parte di AGEA nella predisposizione degli applicativi informatici, con le conseguenti difficoltà per i nostri agricoltori, segnaliamo il miglioramento della spesa rispetto all’analogo periodo della scorsa programmazione", commenta l'assessore dell'Agricoltura Falchi.
  • Agricoltura, 127 domande per gli 11 lotti del progetto "Terra ai giovani"

    A riscuotere maggiore interesse i tre lotti dell’azienda Giviamolas di Villasor, di proprietà dell’agenzia regionale Agris, per i quali sono state presentate 18 domande ciascuno. Diciassette invece le richieste per l’azienda Is Figus, situata tra Serramanna e Villasor, mentre in 15 si sono fatti avanti per l’azienda Porticciolo di Alghero.
  • Agricoltura, posticipata apertura bandi a investimento e primo insediamento Psr 2014-2020

    "Queste sottomisure - che riguardano il sostegno a investimenti nelle aziende agricole, alla trasformazione, commercializzazione e sviluppo dei prodotti agricoli e gli aiuti all’avviamento di attività imprenditoriali per i giovani agricoltori - sono le prime ad adottare le procedure a sportello e la completa dematerializzazione attraverso il Sistema informativo agricolo nazionale (SIAN)" spiega l’esponente della Giunta.
  • Agricoltura sociale, Falchi: Regione in progetto pilota con colonie penali sarde

    La concordanza del progetto di agricoltura sociale con gli indirizzi programmatici del governo regionale su valorizzazione dei territori e inclusione sociale è stata evidenziata anche da Anna Pireddu, capo di gabinetto dell'Assessorato della Programmazione, che è intervenuta per portare i saluti dell'assessore Raffaele Paci.
  • Agricoltura, Falchi incontra Cia: qualità produzioni e filiera per fronteggiare crisi

    “Quello dell’instabilità dei prezzi è un fenomeno pericolosissimo e incontrollabile che sta colpendo l’agricoltura sarda ma anche quelle italiane e europee – ha detto -. Negli ultimi anni i prezzi di grano e latte sono stati i più alti mai registrati e adesso invece sono in netta discesa. È un fenomeno col quale dovremo fare i conti sempre più spesso e al quale ci possiamo opporre puntando su una migliore organizzazione del comparto che possa così produrre prodotti di qualità e in modo organizzato e tacciabile”.gagricoltura
  • Agricoltura, Psr 2014/2020: decretato il pagamento delle indennità compensative

    “È una buona notizia per le aziende sarde – commenta l’assessore regionale dell’Agricoltura Elisabetta Falchi –. In totale, con questo decreto è stato disposto il pagamento di 8.397 domande per un importo pari a 19 milioni 751mila 717 euro. Sono in fase di completamento, tra l’altro, i controlli propedeutici al pagamento automatizzato delle restanti domande che porteranno a breve all’approvazione di un ulteriore decreto dell’Organismo Pagatore Nazionale”.
  • Lattiero-caseario, oggi a Oristano passo avanti verso organismo interprofessionale del comparto

    “Abbiamo assistito a una discussione partecipata e proficua tra gli operatori - ha detto Falchi -. È chiaro a tutti che l’organismo interprofessionale sia la sede naturale e corretta in cui elaborare politiche di produzione e programmazione commerciale per governare il sistema del latte con dati, numeri certi e regole che consentano di affrontare i mercati per ridurre le oscillazioni dei prezzi. Come Regione stiamo accompagnando il comparto nel percorso verso la nascita di questo importante strumento”.
91-100 di 558