Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


La Progemisa all’Arpas dal prossimo gennaio

30.12.08 - comunicati stampa - anno 2008
La giunta regionale ha approvato oggi lo schema di contratto di cessione della Progemisa Spa all'Arpas al prezzo di vendita di 1 euro. L'atto di cessione della società in liquidazione all'Agenzia regionale per l'ambiente dovrà essere firmato entro il prossimo gennaio, e prevede che l'ARPAS possa inquadrare nei propri organici, con decorrenza 1° febbraio 2009, il personale dipendente della Progemisa in base agli elenchi ai criteri indicati in una delibera della giunta regionale del 3 luglio 2007.

La giunta ha deciso di approvare il previsionale di bilancio redatto da Progemisa SpA che, in relazione al ramo d'azienda cedendo, espone una massa passiva stimata in Euro 968.982,51, che troverà copertura nei valori dichiarati all'attivo (comprendenti crediti maturati e beni mobili), per un ammontare complessivo di euro 968.983,51, oltre ai rapporti giuridici, comprese le commesse RAS in corso; di autorizzare l'Arpas ad inserire negli stanziamenti del proprio Bilancio di previsione esercizio 2009, l'accantonamento nel proprio fondo di riserva della somma euro 127.535,51 al fine di costituire la provvista finanziaria destinata a far fronte all'eventualità della soccombenza nelle cause in corso, e infine di consentire la permanenza in capo a Progemisa SpA delle disponibilità liquide, degli archivi e delle banche dati cartografiche, numeriche e tematiche, l'immobile e i restanti crediti, delle partecipazioni di minoranza ancora detenute (CRC Europe Srl, Sarda Basalti Srl e SGM SpA), nonché dei contenziosi e dei crediti connessi a dette partecipazioni e alle partecipazioni a suo tempo cedute, per il tempo necessario alla definizione della procedura di liquidazione e alla conseguente cancellazione della stessa Progemisa dal Registro delle Imprese (in una previsione di massima, entro il 30 giugno 2009). A conclusione della procedura liquidatoria, l'Azionista Unico RAS incamererà le disponibilità liquide residue e subentrerà nei rapporti e nella titolarità dei beni.