Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Fissati gli indirizzi di priorità per l’Accordo di Programma della Chimica

13.10.04 - comunicati stampa - anno 2004
Consolidamento delle filiere chimiche esistenti, rafforzamento del sistema di filiera in embrione sul territorio, insediamento di imprese che utilizzino servizi, aree e risorse umane disponibili nell'area industriale di Ottana: sono questi gli indirizzi di priorità che l'assessore regionale all'Industria Concetta Rau ha illustrato stamane, nel corso di un incontro che si è tenuto nella sede dell'assessorato a Cagliari. Alla riunione hanno partecipato i rappresentanti dei sindacati confederali, quelli delle associazioni degli industriali e delle aziende attive nell'area di Ottana, il sindaco di Ottana Giuseppino Fenudi e il presidente della provincia di Nuoro Francesco Licheri.

Concetta Rau, in apertura, ha sottolineato come gli indirizzi di priorità siano fondamentali per abbreviare i tempi del processo di reindustrializzazione e portare a Ottana uno sviluppo sostenibile e duraturo e potenzialità per nuovi insediamenti industriali. Ma, come hanno ricordato sia l'assessore sia i sindacati, vanno affrontate anche le emergenze come quella dei lavoratori della Montefibre: a fine anno scadrà la cassa integrazione e sono già iniziate le procedure per la messa in mobilità. Parte di questi, è stata la proposta degli industriali, potrebbero venire riassorbiti all'interno dei progetti che il consorzio di imprese Creos, creato dalla Confindustria nuorese, sta attivando nell'area per attuare l'Accordo di Programma e rilanciare il sistema di filiera.

L'assessore Rau accompagnerà domani a Roma il presidente della Regione Renato Soru all'incontro con il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta, tappa preliminare per definire l'agenda della riunione che l'esecutivo regionale avrà con il governo la prossima settimana.

Nella lettera inviata al premier Silvio Berlusconi nei giorni scorsi, il presidente Soru aveva dato grande risalto all'emergenza della chimica in Sardegna e aveva chiesto al governo garanzie per il rilancio di un settore portante dell'industria isolana.