Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Trasporto merci su ferrovia, istituito gruppo di lavoro tra Regione, Trenitalia Cargo, RFI e imprenditori

12.12.05 - comunicati stampa - anno 2005
Un gruppo di lavoro per definire le strategie di sviluppo del trasporto delle merci sulla rete ferroviaria tra la Sardegna e la penisola è stato istituito questo pomeriggio a Cagliari, nel corso di un incontro svolto all’assessorato regionale dei Trasporti tra l’assessore Sandro Broccia, il direttore operativo di Trenitalia Cargo Giuseppe Smeriglio e i rappresentanti delle aziende del settore. Della commissione permanente di studio faranno parte Regione, Trenitalia Cargo, Rfi (Rete ferroviaria italiana, società del gruppo Fs) e gli stessi imprenditori.
«E' la prima volta che si verifica un fatto simile», ha sottolineato Broccia al termine della riunione. L’obiettivo è rilanciare attraverso un business plan il trasporto delle merci su treno, un settore che negli ultimi dieci anni ha conosciuto nell'isola un progressivo ridimensionamento: dai tre milioni di tonnellate trasportate (in entrata e uscita) nel 1996, la Sardegna è passata a una cifra oscillante tra 500 e 600 mila tonnellate nel 2005, da cui bisogna sottrarre tuttavia un 30-40 per cento di merce costituita da materiale di servizio delle stesse ferrovie. Secondo i piani della Regione si dovrebbe garantire il trasporto di un milione e mezzo di tonnellate di merce nell’arco di un anno e mezzo, triplicando il dato attuale.
Numerosi i disservizi segnalati dai tecnici dell’assessorato e dalle imprese. Il numero delle navi impiegate dalle Ferrovie dello Stato nella tratta Golfo Aranci – Civitavecchia si è ridotto passando da cinque a una sola unità: il vecchio traghetto Garibaldi, più volte penalizzato da guasti e ritardi, viene utilizzato al di sotto delle sue possibilità in termini di capienza.
Altri punti critici, l'incertezza dei tempi di trasporto e le condizioni del parco mezzi delle ferrovie: su 19 locomotori in servizio, solo 8 funzionano a pieno regime, a volte si riducono addirittura a 4. il miglioramento del parco locomotori è uno degli obiettivi del piano in fase di elaborazione.
«Il sistema di trasporto delle merci su rotaia gode di ampi margini di miglioramento, in virtù di una domanda che supera l'offerta», ha fatto notare Broccia. Compito della commissione sarà analizzare la situazione complessiva del settore, stabilire modalità e quantificare i costi degli interventi. Lo Stato stanzia 15 milioni di euro come onere di servizio pubblico per il trasporto delle merci sulla tratta Golfo Aranci – Civitavecchia, qualcosa come 40 euro a tonnellata, secondo il calcolo degli imprenditori: «Ci stiamo chiedendo – ha detto l'assessore – se sia il caso di aprire l’ennesima vertenza con il governo per trasferire alla Sardegna le risorse destinate al trasporto merci».