Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Renato Soru a Villasor con Concetta Rau: acqua troppo cara, consorzi carissimi, ci metteremo mano. Ma lo zuccherificio va tenuto aperto

09.12.04 - comunicati stampa - anno 2004
Il Presidente della Regione ha visitato questo pomeriggio lo zuccherificio di Villasor. Era in compagnia dell’Assessore all’Industria Concetta Rau, e insieme hanno verificato l’elevato standard tecnico-impiantistico dello stabilimento, nella cui ristrutturazione sono stati investiti, negli ultimi anni, circa 25 Milioni di Euro, come è stato ricordato dai dirigenti.
“La Regione – ha detto il Presidente – è interessata al rilancio dell’agricoltura che deve maggiormente pesare nell’economia della Sardegna,e in questo contesto è interessata al consolidamento della superficie coltivata a bietole nell’Isola, sino ad un livello, in prospettiva, di 6.000/7.000 ettari”. Renato Soru ha sottolineato come, per il raggiungimento di tale obiettivo, sia indispensabile l’impegno e lo sforzo responsabile di tutte le componenti la filiera.
Il Presidente della Regione ha, in particolare, riconfermato l’impegno perché sia certa la disponibilità delle risorse idriche necessarie alla bieticoltura; e perché, in attesa degli interventi strutturali che possano ricondurre ad efficienza la loro gestione ed evitare l’addebito di costi impropri al sistema agricolo, il costo totale dell’acqua destinata alle bietole non sia superiore a 370 € per ettaro.
Tali impegni sono stati assunti con l’obiettivo – ribadito da Renato Soru e dai dirigenti dello stabilimento a nome del Gruppo Sadam – di salvaguardare la realtà industriale dello zuccherificio e, con esso, il futuro della filiera bieticolo-saccarifera regionale.
I dirigenti dello zuccherificio hanno riconfermato davanti al Presidente Soru e all’Assessore Rau, e davanti ai rappresentanti dei bieticoltori, la volontà di conservare la presenza industriale in Sardegna, che, in futuro, potrà contare su ulteriori investimenti sia di carattere impiantistico che nel settore della ricerca.

Ufficio stampa